Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

A grandi falcate ritorna l'anticiclone

Non troverà opposizione alcuna la vasta cellula di alta pressione che nel corso dei prossimi giorni tornerà ad impadronirsi del Mediterraneo centrale. Sull'Italia, seppur con qualche eccezione, torneremo ad avere una sequenza di giornate stabili e al più soleggiate. Temperature diurne in aumento in quota su Alpi e nord-Appennino.

Prima pagina - 12 Dicembre 2006, ore 08.11

LIVE: mentre gli ultimi annuvolamenti legati alla perturbazione che ieri ha interessato il centro-sud stanno definitivamente abbandonando le nostre estreme regioni meridionali, lasciando il posto a cieli che per la giornata odierna si preannunciano in gran parte soleggiati, il settore alpino fa da sponda ad un secondo passaggio perturbato che sfila a latitudini più settentrionali e che non coinvolgerà, se non in maniera del tutto marginale, il nostro Settentrione, come si evince dalla nuvolosità alta e stratiforme che sta interessando Alpi e Prealpi. Per il resto i cieli sull'Italia si presentano sgombri da annuvolamenti significativi, semmai qualche foschia densa e qualche locale banco di nebbia insistono sulla Pianura Padana e sulle conche interne del centro-sud, ma sono destinati al dissolvimento già nel corso della mattinata. Sul fronte del freddo ci sono da segnalare le temperature di Torino e Verona (-1°C), anche se ben più bassa è quella di Malpensa (-3°C), che supera in negativo quella di Bolzano (-2°C). Il cielo sereno è all'origine del basso valore registrato anche a Roma Urbe (-1°C), imitato al centro solo da Perugia. Ben più i alti i valori al sud, complice anche la copertura nuvolosa. SITUAZIONE: sull'Europa la situazione si presenta in costante evoluzione. Una vasta area di alta pressione va rinvigorendosi al largo dell'Iberia, approfittando della traslazione verso levante dei due nuclei depressionari affacciati sullo scacchiere mediterraneo (vale a dire quello afro-mediterraneo confinato nell'entroterra algerino e quello legato alla perturbazione che ieri ha interessato l'Italia). Il vortice polare agisce a latitudini decisamente settentrionali, mentre il cuore del Vecchio Continente si presenta come terra di conquista di passaggi perturbati alternati a rimonte anticicloniche. EVOLUZIONE: nei prossimi due-tre giorni l'anticiclone europeo completerà l'opera di espansione verso levante, sbaragliando ogni "avversario" sullo scacchiere sud-europeo e mediterraneo e saldandosi, seppur debolmente, con il collega russo-siberiano. ll tempo del resto della settimana sarà pertanto fortemente condizionato da questa forte struttura barica che detterà legge almeno fino a venerdi. A seguire l'evoluzione appare molto incerta... SITUAZIONE NEVE: intanto (e lasciateci dire: finalmente!) sulle Alpi si è iniziato a sciare. Ieri molte sono state le stazioni sciistiche che hanno aperto i propri impianti, dopo le nevicate dell'ultimo week-end. Ciononostante, i problemi non sembrano mai finire: adesso infatti è atteso un consistente aumento delle temperature in quota, originate proprio dall'azione dell'anticiclone che convoglierà sull'arco alpino masse d'aria piuttosto calda. Serviranno pertanto nuovi apporti nivometrici per garantire la piena efficienza delle piste per le Festività Natalizie. OGGI: intanto il tempo per oggi ci riserverà poche sorprese. Nubi alte e stratiformi al nord, in estensione in serata anche a Sardegna, Toscana, Perugino, Anconetano e Pesarese. Decisamente soleggiato altrove. Asciutto ovunque. In serata formazione di foschie dense e qualche banco di nebbia sulla Pianura Padana e nelle valli interne. Temperature in aumento al centro-nord nei valori diurni, specialmente in montagna. DOMANI: poche novità in vista per mercoledi, quando stratificazioni piuttosto sterili interesseranno essenzialmente le regioni centromeridionali. Addensamenti nuvolosi più compatti insisteranno sul sud, portando anche qualche pioggia sulla Calabria jonica, sul Messinese e sulla Sicilia orientale nel corso del pomeriggio-sera. Ancora foschie dense sulla Pianura Padana. Temperature in lieve ma costante aumento al nord e su Umbria e Toscana.

Autore : Emanuele Latini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum