Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Un fine settimana bagnato?

Questo è il responso attuale delle carte a nostra disposizione; una piccola e intensa perturbazione potrebbe creare scompiglio nel Mediterraneo.

Previsioni meteo - 8 Luglio 2002, ore 10.58

L’anticiclone delle Azzorre è disteso in mezzo all’Atlantico, come da diversi giorni a questa parte, e non ha intenzione di muoversi per un bel po’. Pertanto le perturbazioni avranno campo libero sull’Europa, e potranno scegliere la traiettoria che più preferiscono; per fortuna , sulle nostre teste, abbiamo una cellula di alta pressione che proverà a resistere almeno ai primi attacchi. A quanto pare l’impulso freddo di mercoledì non avrà fortuna, e probabilmente si limiterà ad interessare soltanto le regioni settentrionali con alcuni temporali, soprattutto sui rilievi. Da quel momento sembra che non ci saranno più attacchi seri alla stabilità del tempo sul Mediterraneo almeno fino a sabato; ma l’anticiclone atlantico, da buon pigrone, si limiterà ad inviarci un altro suo piccolo braccio, che si unirà alla cellula già esistente sulla Penisola a formare un debole scudo. Fatto sta che sabato, una intensa perturbazione carica di aria fredda di origine artica, troverà un comodo corridoio dentro al quale potrà scorrere senza rischiare di essere ostacolata, almeno fino al suo arrivo sull’Inghilterra. A questo punto si possono aprire diversi scenari; sembra infatti che l’anticiclone, seppur fiacco, tenterà una reazione e proverà a deviare la perturbazione. Le previsioni più ottimistiche vedono l’impulso freddo deviato verso est sul Belgio e la Danimarca; in quel caso la pressione dalle nostre parti risalirebbe rapidamente per ragioni dinamiche, preparando il ritorno dell’estate mediterranea in grande stile. Altre elaborazioni, probabilmente più verosimili, segnalano una reazione molto fiacca e tardiva dell’anticiclone delle Azzorre; ciò provocherebbe una sua risalita verso nord est, sulla Scandinavia, dopo il passaggio del fronte perturbato. Allora la “frittata” sarebbe servita: infatti, ci sarebbe una accentuazione delle correnti che seguono la perturbazione e anche se non saranno più così fredde come in origine, porterebbero ad una accelerazione di tutto il settore freddo del sistema verso sud nella serata di sabato. L’aria fredda punterebbe allora verso il Golfo del Leone, e si isolerebbe un nucleo molto profondo in quota diretto sulla Corsica; questo significherebbe temporali intensi e frequenti su tutte le regioni settentrionali ed occidentali, con correnti intense da E-NE e il rischio di bora forte sul Veneto e il Friuli Venezia Giulia. Chiaramente si tratta solo di una linea di tendenza, che pare comunque annoverata da molte delle elaborazioni a nostra disposizione; per dettagli più precisi comunque vi rimandiamo ai prossimi aggiornamenti.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 17.48: A56 Tangenziale Di Napoli

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Secondigliano-Raccordo Capodichi..…

h 17.47: A4 Milano-Brescia

coda rallentamento

Code causa traffico intenso a Bergamo (Km. 174,5) in uscita in direzione da Milano dalle 17:42 de..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum