Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'ultima corsa del modello americano conferma: a fine mese un po' di INVERNO per tutti

Nonostante la bassa predicibilità da parte della modellistica, notiamo che la corsa operativa del modello americano GFS rimane sulla linea invernale per la fine de mese.

Previsioni meteo - 19 Gennaio 2014, ore 20.03

Uno sguardo all'ultima corsa serale del modello americano GFS e analogie con quanto simulato in parallelo dal modello inglese riguardo la complicata prognosi di fine mese.

 

ANALISI della situazione attuale: un profondo canale di bassa pressione disteso dalle coste orientali canadesi all'Europa, si spinge con un profondo minimo fin sul cuore del Mediterraneo. Attorno a questo vortice ruotano diversi rami frontali che si susseguono sul nostro Paese generando diffuse condizioni di maltempo. 

 

 Un flash meteorologico e a medio-lungo raggio, per trovare conferma alle ipotesi già intravviste con la modellistica della mattina. La prossima settimana proporrà una manovra cardine che tenterà di sovvertire la persistenza del regime perturbato atlantico di origine canadese. La mossa è demandata al redivivo anticiclone delle Azzorre, che lancerà un gancio verso l'Europa occidentale, fin quasi alla penisola Iberica.

Non pago dello spazio conquistato, tenterà addirittura di agganciare l'anticiclone freddo scandinavo, da giorni inerte lassù alle alte latitudini, dove ha portato l'inverno vero. Intanto, tra mercoledì 22 e giovedì 23, l'Italia beneficerà di una tregua nei fenomeni, grazie ad un temporaneo miglioramento.

L'intento dell'aggancio sopra descritto, a parere dell'ultima corsa serale del modello americano, pare volgere a buon fine, almeno in parte su finire della settimana. Tanto basterà per modificare l'asse di discesa delle perturbazioni atlantiche, l'ultima delle quali giungerà venerdì 24 gennaio.

Dopo questa data, l'asse delle correnti ruoterà da settentrione e poi probabilmente a nord-est. La modifica varrà l'afflusso di aria fredda di origine continentale dalla Russia verso l'Italia. Il risultato concreto lo vediamo nell'ultima mappa in basso, dove è evidente il cuneo di aria fredda puntato verso di noi. Potrebbe essere una buona occasione per una fase propriamente invernale, almeno per qualche giorno a cavallo tra il 28 e il 31 gennaio.

Avvertenza: non prendiamo le carte proposte come la soluzione alla prognosi, che in realtà è probabilisticamente ancora alquanto incerta. Il tutto è da considerare come la linea di tendenza al momento più probabile, ma che certamente subirà altre modifiche work in progress, ovvero strada facendo. Seguendoci ogni giorno, potrete comunque rimanere perfettamente aggiornati sull'evoluzione effettiva che andrà delineandosi passo dopo passo.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum