Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Braccio di ferro tra ANTICICLONE e INVERNO: ancora colpi di scena fino a metà dicembre

Si conferma una fase di transizione molto delicata, con l'autunno che passa le consegne all'inverno inciampando però su una fase anticiclonica alquanto anomala. Attenzione però, perchè qualche modello non è d'accordo e punta ancora sul super-freddo...

Previsioni meteo - 4 Dicembre 2013, ore 20.00

Ecco a voi l'ultima corsa serale del modello inglese ECMWF, fra gli strumenti principali per poter elaborare una previsione, in progressivo aggiornamento automatico dalle ore 20.00 in poi.
Dalle ore 21.00 appariranno invece via via i commenti e le analisi del nostro previsore di turno riguardo alle mappe più rilevanti e interessanti scelte fra i successivi 10 giorni di previsione. 

 

 ANALISI della situazione attuale: l'accelerazione prepotente del flusso principale da ovest verso est, all'altezza della Mitteleuropa, ha contribuito a costruire e a proiettare verso l'Italia un campo di alta pressione nato sull'Atlantico. Le perturbazioni scorrono oltre il 50° parallelo e raggiungono il versante nord-alpino con le loro innocue code periferiche. Venerdì però i flussi si metteranno maggiormente in verso meridiano e un fronte freddo raggiungerà le Alpi, introducendo poi aria un po' più fredda anche sul resto dell'Italia...

 

Facciamo ora un passo indietro: quella pubblicata qui a fianco è la mappa prevista per la giornata di giovedì 5 dicembre: si nota una netta demarcazione tra le correnti perturbate, con il loro punto di forza nel nucleo di aria molto fredda pronto a staccarsi dalla circolazione polare per raggiungere l'Europa centro-orientale, e la banda anticiclonica che si sta organizzando a spalle larghe dall'Atlantico verso il Mediterraneo.

L'Italia verrà interessata principalmente dal campo di alta pressione, tuttavia venerdì 6 la perturbazione di testa legata all'irruzione fredda che finirà per scivolare sui Balcani, darà luogo ad un intermezzo nevoso lungo la creta delle nostre Alpi centro-orientali.

Pur finendo così lontano dall'Italia, il blocco di aria fredda in questione sarà così solido e severo, da farsi sentire comunque anche sul nostro Paese: venti che rinforzano dai quadranti settentrionali, temperature che calano, dapprima in quota, poi anche nei bassi strati, una discesa anche piuttosto sensibile lungo i versanti orientali del Paese, sono tutti elementi che si renderanno protagonisti nel week-end dell'Immacolata.

D'altra parte la continua ricollocazione dell'asse di colata, rilevata giorno dopo giorno anche nel corso della nostra analisi serale, è stato un segnale forte e chiaro dell'evoluzione contraria alle elaborazioni di 10 giorni fa, ormai da cestinare definitivamente.

Una certa attenzione è invece dovuta alla seconda irruzione fredda disegnata qualche giorno fa dalla modellistica (target 12-15 dicembre), e poi quasi del tutto soppiantata dall'ormai celebre super-anticiclone. Qualcosa a tal proposito è cambiato ancora una volta, andiamo a vedere cosa.

Prima di tutto: l'alta pressione sarà si potente ed estesa, tuttavia sull'Italia la sua coperta sarà un po' corta, tant'è che le nostre regioni meridionali potranno risentire di tanto in tanto di alcune infiltrazioni di aria più fredda e instabile da est. Tanto basterebbe per produrre qualche nota di instabilità, ad esempio nella giornata di lunedì 9. La stessa giornata vedrà inoltre anche la coda di una perturbazione lambire il Triveneto, dando luogo a qualche nevicata lungo i settori di confine altoatesini, ma c'è dell'altro.

 Uscendo dagli schemi deterministici e andando a cogliere gli scenari proposti dagli altri modelli a nostra disposizione, salta fuori l'ipotesi che il modello canadese seguita a riproporre, anche nella sua ultima versione, quella del pomeriggio: et voilà, ecco che ricompare il nocciolo di aria fredda che, uscito dalla porta, potrebbe anche rientrare dalla finestra.tra il 12 e il 15 dicembre.

Pur essendo la probabilità di riuscita davvero minima (dell'ordine del 25%) non possiamo tralasciare alla vostra atteznione, carissimi lettori, questo particolare e inserirlo a buon fine nella nostra analisi, che può così fregiarsi di un nuovo tassello importante. Ora, 4 modelli su 5 ci vedono l'anticiclone, ma 1 su 5 continua a vederci il super freddo.

E se poi fosse lui ad avere ragione?


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 19.31: A14 Bari-Taranto

incendio

Incendio nel tratto compreso tra Acquaviva Delle Fonti (Km. 697,6) e Bari Sud (Km. 677,8) in dire..…

h 19.22: A12 Genova-Rosignano

coda

Code causa viabilità esterna non riceve nel tratto compreso tra Genova Nervi (Km. 11,5) e Genova E..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum