Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Arriva la neve sul medio Adriatico e al meridione

Ci aspettano due giorni ventosi e molti freddi su tutta l'Italia; sul medio Adriatico e sul meridione arriverà anche la neve; fiocchi anche sui versanti esteri delle Alpi, per il resto al nord cielo sereno. Mari molto mossi o agitati. A Natale il tempo migliorerà quasi ovunque ma resterà freddo, specie al centro-sud e nelle zone innevate di fresco.

Previsioni meteo - 22 Dicembre 2003, ore 12.27

Martedì, 23 dicembre 2003 NORD: Sui crinali alpini di confine e sulla Romagna nuvolosità variabile con brevi rovesci di neve. Sul rimanente territorio giornata in gran parte soleggiata, con qualche velatura di passaggio. Temperatura in calo, più sensibile nei valori minimi e in montagna con punte di -10°C a 1500 m. Vento in graduale rinforzo, fino a divenire forte in serata in montagna e sulla Riviera Ligure. CENTRO: Al primo mattino nuvolosità irregolare su gran parte del territorio, con possibili ampie schiarite su Sardegna, Versilia, Garfagnana, Appennino Toscano e Marche settentrionali ma anche con rischio di brevi rovesci di neve sino al piano. Fin dalla mattinata netto miglioramento su Toscana e Lazio anche se su Reatino, Frusinate e Casentino saranno ancora possibili residue nevicate portate da est. Su Marche ed Abruzzo invece tendenza a peggioramento con cielo spesso coperto e neve sin sulle coste, dove però il fenomeno avrà il carattere dell'intermittenza. Vento forte in rotazione da nord-ovest a nord-est e temperatura in brusco calo; a 2000 m in giornata sino a -12°C sul versante adriatico. SUD: Su tutte le regioni tempo instabile, a tratti perturbato, con rovesci di neve dapprima sino a 500-700 m sulle zone peninsulari e sino a 1200 m sulla Sicilia, dal pomeriggio abbassamento del limite delle nevicate sin sulla costa molisana, sul Gargano e il Tavoliere delle Puglie e sino a 200-300 m altrove, 900 m sulla Sicilia. A tratti alcune belle schiarite, specie sul versante tirrenico. Temperatura in calo costante e venti molto forti da NNE. Mercoledì, 24 dicembre 2003 NORD: Ancora nevicate sparse sui rilievi alpini confinali. Da segnalare nevicate importanti sulle località di villeggiatura svizzere e austriache. Munirsi di equipaggiamento invernale in caso di attraversamento delle Alpi. Per il resto tempo buono, con qualche velatura di passaggio, e nubi basse sparse a ridosso dei rilievi emiliano-romagnoli. Temperatura in ulteriore diminuzione. Vento teso da nord-est sulle Alpi, debole o moderato altrove. CENTRO: Su Marche ed Abruzzo giornata in gran parte nuvolosa, con rovesci nevosi piuttosto frequenti da Macerata verso sud, più scarsi altrove. Tempo debolmente instabile anche sulla Sardegna, dove ampie schiarite si alterneranno a qualche nube densa, associata a rovesci, nevosi al di sopra dei 500 metri. Sulle altre regioni tempo soleggiato, a parte brevi rovesci nevosi al mattino su Frusinate e Reatino. Temperatura in ulteriore diminuzione. Vento moderato da nord-est sulle pianure toscane, le zone interne della Sardegna ed il basso Lazio; forte altrove. SUD: Inizialmente tempo perturbato su gran parte del territorio, con acquazzoni qua e là, ed isolati temporali; neve fino al piano o nel fondovalle su Molise, Puglia Garganica ed Appennino Campano, oltre i 200 metri sulla Basilicata ed il resto della Puglia, al di sopra dei 700 metri altrove. Nel corso della giornata tendenza a miglioramento su fascia costiera campana e Sicilia meridionale; continueranno invece i rovesci altrove, anche se più intermittenti rispetto alla mattinata. In questa fase la neve cadrà fino a 300-500 metri di quota sulla Sicilia ed il Salento, fino al piano sul resto delle regioni. Temperatura in ulteriore consistente diminuzione. Vento moderato o forte settentrionale, da Maestrale sulla Sicilia, da WSW in mare aperto sullo Jonio. Giovedì, 25 dicembre 2003 NORD: Natale sereno ma molto freddo, specie sulle pianure e nelle vallate, dove le temperature caleranno ulteriormente e saranno possibili brinate ed episodi di galaverna favoriti dalla formazione di banchi di nebbia in prossimità dei corsi d'acqua. Inversione termica con temperature meno rigide in quota. CENTRO: Sull'Abruzzo al mattino ancora qualche breve nevicata ma con tendenza ad attenuazione dei fenomeni e a belle schiarite. Altrove in prevalenza soleggiato sin dal mattino con passaggio di qualche velatura sulla Sardegna. Temperatura ih ulteriore calo nei valori minimi, in lieve aumento le massime. Gelate estese e molto freddo nelle zone innevate di fresco. SUD: Ancora tempo in parte instabile su Sicilia settentrionale, Calabria tirrenica e regioni adriatiche, con rovesci nevosi fino al piano sulle regioni peninsulari, oltre i 400-500 metri sull'Isola. Altrove cielo parzialmente nuvoloso ma con ampie schiarite. Temperature in lieve ulteriore calo sull'Adriatico, stazionarie altrove. Vento moderato o forte da nord. TENDENZA SUCCESSIVA La giornata di Santo Stefano al momento si prospetta piuttosto fredda, specie in pianura e nelle vallate, su gran parte del territorio nazionale; al nord ed al centro prevarrà il sole. Sulle regioni meridionali invece saranno ancora presenti residui rovesci nevosi fino a quote molto basse ma in via di rapido esaurimento. La temperatura è destinata ad aumentare di diversi gradi sabato 27, specie al centro-sud.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum