Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Le calde notti cittadine

Per sorridere un po' - 16 Luglio 2013, ore 16.51

Mi giro e mi rigiro, che caldo, che afa, sono un bagno di sudore. Sono le due di notte. Apro la finestra ma resto vigile, basta un attimo e ti ritrovi con il ladro in casa. Fuori non c'è un alito di vento, la città non è però affatto addormentata: c'è un signore sull'ottantina seduto in prima fila in balcone che non sopporta più la fornace imprigionata nel suo appartamento e trascorre la nottata su una sdraio in terrazzo, c'è la signora che stira a finestre spalancate, un capannello di ragazzi che discutono animatamente degli ultimi eventi sportivi, il signore di mezza età che porta il cane a fare pipì.

Cerchi con lo sguardo una nuvoletta che faccia pensare ad un temporale rinfrescante...non c'è, ma c'è la luna e capisci che non succederà nulla, anche perchè non si vedono i lampeggiamenti in direzione delle montagne. Bevi una bibita fresca, accendi la tv ma l'offerta è talmente modesta che riprovi a schiacciare un pisolino.

Arrivano le tre e l'isola di calore è tale che il termometro segna ancora 29.6°C, in casa va peggio 31.2°C con il 57% di umidità. Alle 5 si alza un leggero vento da est e facendo corrente ti accorgi di quanto calore hai accumulato in casa. Sopraggiunge il sonno: ti sveglia di soprassalto il rumore del camion dell'immondizia e scopri che sono le 8: giù subito tutte le tapparelle, perchè il sole batte già forte e il mezzo grado che hai perso potresti pagarlo con gli interessi.
Nel frattempo sono comparsi gli altocumuli: è un segnale dell'instabilità latente, lo segnali alla custode e le consigli di prestare attenzione alle veneziane che potrebbero essere strappate via da qualche raffica di vento improvvisa nel temporale che ci sarà nel pomeriggio. La custode ti compatisce, ringrazia e ti liquida con un saluto garbato ma risoluto.

Ed ecco il caldo in strada: si sale sull'autobus, il condizionatore si è rotto, ci si appende agli appositi sostegni e si nota subito chi fa ha fatto buon uso di acqua, sapone e deodorante e chi vuole lasciare un segno tangibile del suo passaggio. Arrivi in ufficio e trovi l'artico: aria condizionata da polo nord, segretarie con i maglioncini, gente che starnuta, l'amministratore delegato che cammina piegato per i reumatismi e finestre aperte per far entrare un po' di caldo. Si esce all'ora di pranzo e sembra di essere in pieno Sahara, pensi che possano prendere fuoco i vestiti ma è solo un'impressione. Verso le 15 il sole scompare di colpo, è nero verso nord, ma non dura niente, alle 16 c'è di nuovo il sole. Arrivo a casa evitando di incrociare lo sguardo della custode e mi preparo ad un'altra notte di sudore...


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum