Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Firenze 26 nov 2003: un giorno di ordinaria follia!

Cronaca di una tranquilla periferia sprofondata nel caos più assoluto.

Per sorridere un po' - 29 Novembre 2003, ore 09.58

A raccontarvi questa vicenda che ha dell'incredibile è uno studente di medicina che abita ai piedi dell'Appennino Toscano, nella zona soprastante l'ospedale di Careggi, alla periferia nord di Firenze. Molto probabilmente il 26 novembre 2003 è entrato nella storia di Firenze,o perlomeno della sua periferia nord, come il giorno in cui il marasma più totale convoilse gli abitanti di questa zona. Gente che abita quì da una vita riferisce di non aver mai visto una cosa del genere, ed in effeti in questo giorno si sono battuti tanti record in negativo. Secondo una ben nota filosofia, la vita non è altro che un succedersi di eventi, regolati dal semplice motore causa-effetto. Ebbene,alla domanda "Cosa succede se scaviamo una buca a Firenze?",eccovi servita la risposta: ORE 8:30: La risalita verso nord di una depressione Afro-Mediterranea colpisce in pieno la città di Firenze. Risultato? Piove a dirotto sin dalle prime ore del mattino. Conseguenze? Il normale traffico mattutino raddoppia. Fin qui tutto ok, rientra nei banali canoni della routine. ORE 12.30: Come ogni mattina all'uscita dell'università di medicina, percorro V.Delle Gore per rientrare a piedi verso casa (abito poco lontano dall'ospedale). "Qui qualcosa non va" - Penso dentro di me. La normale coda che era presente al mattino si è infatti triplicata in lunghezza, e cosa ancor più strana, è in entrambi i sensi di marcia: ciò rappresenta un apparente assurdità, visto che V. Delle Gore verso nord porta sulle colline fiorentine. "Hanno deciso di andare tutti all'ospedale oggi???!" - continuo a pensare dentro di me. ORE 14:00: Dopo aver pranzato a casa mia, incuriosito da alcuni clacson,mi affaccio alla finestra, e cosa vedo? La coda. La coda??? E quando mai si è vista la coda da casa mia?!!! All'interno della mia famiglia scoppia ragionevolmente il panico, dato che in queste condizioni è praticamente impossibile andare al lavoro(2 strade sono possibili:V. Delle Gore o V.Delle Gore!). Dalla cucina mia madre inizia a chiedermi a che andatura scorre la fila. "E chi ha parlato di andatura?" - le rispondo -"è da mezz'ora che vedo la stessa panda ferma nel traffico." ORE 15:30: Sono chiuso in camera mia a studiare con un sottofondo musicale di clacson, quando squilla il telefono: è mio padre che mi dice di trovarsi all'altezza di P.za N.Tolentino,la quale dista 50 m da casa mia(era partito da casa un'ora prima!). ORE 16:00: Decido di uscire a fare una passeggiata per vedere cosa è successo. Ed eccoci al bello. Appena esco dal giardino di casa,la scena è surreale: Un'interminabile colonna di macchine completamente ferme a motore spento, molte parcheggiate sui marciapiedi, altre addirittura lasciate dentro il giardino comunale ordinatamente posizionate tra un pino e l'altro(grande prova di civiltà!Evviva la natura!).Una jeep è incredibilmente posta a blocco davanti al cancello di un mio vicino, ad una distanza tale da non poterlo nemmeno fare uscire di casa. Mi rendo conto di trovarmi di fronte ad un blocco totale della circolazione, con la gente che cerca disperatamente un posto dove lasciare la macchina, e proseguire il percorso a piedi pur di raggiungere il luogo di lavoro. Contemporaneamente il popolo dei bar e dei balconi(come vuole la tradizione)si riversa nelle strade per assistere allo spettacolo. Si viene così a creare una lunghissima parata di macchine e gente,che ha poco da invidiare al Carnevale di Viareggio!!!Gli automobilisti sono increduli, allibiti, consci di essere loro i "carri del carnevale"; migliaia i telefonini all'opera, i clacson compongono oramai una sinfonia di Beethoven. La pioggia continua a scaricarsi inesorabilmente sulle strade generando degli allagamenti locali;molta gente priva d'ombrello(per la serie "seguiamo gli aggiornamenti meteo!") si inzuppa completamente d'acqua. Alcuni fanno a gara a saltare le pozzanghere, altri ci cascano dentro, presi dalla foga di quella che sta diventando una vera corsa ad ostacoli. La situazione inizia a diventare tipicamente grottesca. Il popolo dei centauri(motorini)si esibisce in un pericoloso zig zag tra le macchine, alcuni si riversano sui marciapiedi dribblando i passanti che a loro volta driblano le pozzanghere. ORE 16.30: Mi trovo ora all'altezza dell'incrocio fatidico tra V.Delle Gore,V.Caccini e V.Delle Panche. Ed eccoci al punto: V.Delle Panche è chiusa per lavori! "Perchè? Perchè?" - inizia a domandarsi la gente. "Per una buca.Stanno scavando una buca!" - risponde qualcuno."E chi se ne frega! Che credono di trovarci? Una cripta etrusca?!!! -Interviene qualcun altro. Al centro dell'incrocio si trova poi una coppia di vigili totalmente sperduta, che si guarda negli occhi come a dire: "E ora che si fa???".I loro fischietti sono completamente coperti da un tappeto d'insulti e bestemmie(si avvicina il Natale e siamo tutti più buoni!). ORE 16:45: La situazione precipita rovinosamente. Arriva l'ambulanza(vi ricordo che siamo a 100 m dall'ospedale) ed ecco l'inevitabile. V.Delle Gore è stretta e priva di preferenziale. Scoppia il panico!Le automobili cercano disperatamente di fare spazio,ma lo spazio proprio non c'è. Molti salgono con le ruote sui maciapiedi, alcuni entrano in un' autofficina, altri si imbucano nei garage di alcune abitazioni. Risultato? L'ambulanza impiega 20 min a percorrere 50 m!(chissà il povero cristo là dentro!).Ed intanto lo stress tra gli automobilisti dilaga: Eh già,avete mai provato a rimanere fermi accanto ad un'ambulanza a sirene spiegate per più di mezz'ora??? A meno che tu non possieda un autoradio con casse da 500 Watt,è difficile togliersi la sirena dal cervello! ORE 17:00: Si scatena l'apocalisse. Arrivano notizie che tutte le collaterali intorno alla zona ospedaliera, si ritrovano nelle stesse condizioni delle vie sopra menzionate. L'intero sistema di viabilità della periferia nord di Firenze sta pericolosamente collassando. Inutile ricordare che l'effetto di tutto questo è una paralisi di tutte le attività lavorative pubbliche e private della zona. Vi immaginate la faccia dell'ignaro operaio che ha scavato di mano propria la buca di V.Delle Panche, dopo aver visto la rabbia di oltre 1000 automobilisti? Questa irreale situazione da girone Dantesco è durata sino alle ore 20:00 Un cartello di fronte alla transenna di V.Delle Panche recitava:"LAVORI IN CORSO FINO AL 5 DICEMBRE"...La strada è stata riaperta il giorno seguente,giovedì 27 Novembre!!!

Autore : Antonio Ingarozza

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum