Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'isola che c'è: Sant'Elena

L'isola di Napoleone e di Johnathan

Natura e meteo - 22 Maggio 2001, ore 14.26

Johnathan è di sicuro il più anziano dell’isola di Sant’Elena: ha all’incirca 250 anni, anche se non è facile continuare a tenere il conto una volta passato il primo secolo. Tra i circa seimila abitanti della piccola comunità gode di grande rispetto e venerazione. Ormai ha rallentato di gran lunga il suo passo. Lo si incontra sempre sullo stesso percorso: gli piace girare attorno alla “Plantation House”, la residenza del governatore immersa nel verde. Perché il verde è un po’ il suo ambiente naturale. Facendo due conti, Johnathan doveva essere già grandicello quando Napoleone approdò sull’isola per l’ultimo esilio, nel giugno del 1815. Chissà se ricorda come andarono allora le cose: se quella dell’Imperatore fu morte naturale o no. E chissà come racconterebbe la storia del rapporto tra l’esiliato e il suo “carceriere”, Sir Hudson Lowe. Ricorderebbe se avesse memoria. Racconterebbe se avesse voce. Johnathan, con i suoi 250 anni, è sì l’abitante più anziano dell’isola di Sant’Elena, ma non è un uomo, è una tartaruga con tanto di moglie e figlio. Ha sempre vissuto qui, nell’Oceano Atlantico del sud, su un grumo di terra grande non più di 122 chilometri quadrati, a metà strada tra il Sud America e l’Africa, poco più a ovest del meridiano di Greenwich. La maggior parte della costa è fatta di scogliere. E anche all’interno è ben difficile trovare un punto pianeggiante, il territorio sfruttabile per l’agricoltura è un misero sei per cento, tanto che Charles Darwin, quando nel 1836 visitò l’isola, annotò: “C’è così poca terra utile che c’è da meravigliarsi come faccia a sopravvivere tanta gente”. In realtà la tanta gente riesce a sopravvivere un po’ grazie all’agricoltura e alla pesca, e molto grazie agli aiuti economici provenienti dalla Gran Bretagna, la madrepatria. Sant’Elena è infatti una colonia inglese, amministrata da un governatore nominato dalla Corona. Ma dall’Inghilterra sembra essere lontana anni luce, almeno a scartabellare tra qualche dato statistico. I numeri raccontano infatti di un’isola scarsamente collegata al resto del mondo. Non solo perché per arrivarci bisogna aver la pazienza d’attendere che parta una nave da Cardiff (Inghilterra) o da Cape Town (Sud Africa) - il che succede all’incirca ogni quaranta giorni – ma anche per questi altri dati: un quarto della popolazione non ha mai messo piede su una terra che non sia quella dov’è nata; non esistono quotidiani o riviste; non circolano droghe; la criminalità è scarsa; l’Aids è sconosciuto; il 20 per cento delle “mamme” ha meno di diciotto anni; il 66 per cento della maternità è al di fuori del matrimonio; e da una ricerca effettuata qualche anno fa da un gruppo di psicologi inglesi è risultato che i bambini di Sant’Elena sono tra i più sereni e ben educati al mondo. Nemmeno lo sbarco della televisione li ha scalfiti. Su un’isola così non vien la voglia d’andare a viverci? A cura di www.marcopolo.tv

Autore :

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum