Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Kazakistan: un fascino selvaggio

Le grandi steppe disabitate, la recente visita del Santo Padre.

Natura e meteo - 24 Settembre 2001, ore 08.56

Steppa e deserti: il Kazakistan è un paese per la maggior parte “vuoto”, desolato quasi. Il paese dei grandi spazi non riempiti, delle poche testimonianze storiche, delle città prive di attrazioni. Ma non è certo un paese in cui mancano le bellezze. Basta spostarsi verso le montagne del sud e dell’est. Vette come il Tian Shan, lo Zhungar Alatau e l’Altay sono uno spettacolo da non perdere. Con le loro cime perennemente ghiacciate, le valli ricoperte da foreste, i fiumi impetuosi e i laghi trasparentissimi. Se non la storia, ci ha pensato la natura ad arricchire questa nazione. Altra eccezione è la capitale, Almaty, città cosmopolita e punto di snodo per il commercio e il turismo di questa zona dell’Asia. Il Kazakistan tra tutte le ex repubbliche sovietiche dell’Asia centrale è la più grande. Ha un’estensione doppia rispetto a Uzbekistan, Kirghizistan, Tagikistan e Turkmenistan messe assieme. Si estende orizzontalmente dal mar Caspio alla Cina; verticalmente invece dalla Siberia alla catena montuosa del Tian Shan. Si trova quindi nel cuore della steppa eurasiatica (quella fascia di prateria che va dalla Mongolia all’Ungheria). Tutto questo spazio è però abitato da pochissima gente: la densità di popolazione è la più bassa dell’Asia centrale. Potenzialmente però è uno stato davvero ricco: se n’è accorto molto bene l’occidente che ha imparato a investire nelle enormi risorse minerarie kazake. La fertilità della steppa del resto aveva già attirato gli imperi zarista prima e sovietico dopo. Il Kazakistan fu infatti colonizzato molto prima degli altri paesi centroasiatici. Gli “invasori” trasformarono gran parte della steppa in terreni coltivati e vi costruirono anonime città industriali. E seppero sfruttarla bene anche da un punto di vista politico: vi trovarono infatti un territorio ottimo per confinarvi i dissidenti e gli indesiderati. Sudditi zaristi e cittadini sovietici trascorsero qui gran parte della loro vita come punizione alle loro idee sovversive. Tra questi, Dostoevskij, Trotzkij e Solgenitzyn. www.marcopolo.tv

Autore :

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum