Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Itinerari naturalistici: nel cuore del "Granpa"

La Valle di Cogne: una riserva di storia, di arte, di cultura e di integra montagna nel cuore del Parco Nazionale del Gran Paradiso

Natura e meteo - 14 Aprile 2003, ore 13.15

Poco oltre Aosta, procedendo verso Courmayeur, si incontra la diramazione per la Valle di Cogne. Conosciuta come capoluogo del più famoso Parco Nazionale d'Italia, il Gran Paradiso, Cogne riassume in sé tutta la poesia, la storia e la cultura di una delle più interessanti vallate laterali della Valle d'Aosta. PRIMO GIORNO La prima tappa del nostro viaggio è PONDEL, un villaggio situato poco dopo l'imbocco della valle. Conosciuto anche come Pont d'Ael, questo agglomerato è sorto in corrispondenza di un mastodontico ponte romano, perfettamente conservato e funzionante a tutt'oggi, che mette in comunicazione i due versanti della valle proprio sopra l'orrido del Grand Eyvia, il torrente che solca la Val di Cogne. Pondel prende proprio il nome da questo gioiello di architettura stradale, all'epoca utilizzato anche come acquedotto. La Valle d'Aosta non è affatto povera di siti archeologici, e Pondel ne è una chiara testimonianza. Da Pondel si può tornare sulla provinciale per Cogne, e da qui si può voltare subito a sinistra per OZEIN, che con i suoi 1363 metri di quota rappresenta uno splendido balcone sull'imbocco della valle, sull'Alta Valle d'Aosta, sulla Grivola, e sul Grand Nomenon. Posto ideale per passeggiate a piedi od in mountain-bike, Ozein garantisce mille soluzioni agli amanti del silenzio e della tranquillità, grazie anche ai suoi fitti boschi di conifere che contribuiscono a creare un ambiente idilliaco e fiabesco. Un pranzo nelle baite o nelle malghe del villaggio è quanto di più prezioso si possa fare. Terminata la visita di Ozein, si torna a risalire la valle. Il primo centro che si incontra è VIEYES, a 1142 metri sul livello del mare. Qui in paese sono ancora aperte le ferite di quell'ottobre Duemila, quando un fiume di fango sconvolse il paesaggio di questa valle e la storia di questi villaggi; ma la gente di questa regione è immancabilmente votata alla tenacia e alla determinazione: l'avvenuta ricostruzione appartiene di già al passato, e lo sguardo è sempre rivolto con cieca fiducia al roseo futuro che si prospetta dinanzi. Dopo Vieyes, la strada continua a risalire la valle, serpeggiando tra balzi di roccia che piombano verticali sull'asfalto, ed acque gelide che si agitano in rapide e cascate di puro immaginario. Arriviamo perciò ad EPINEL, situato a 1452 metri di altitudine: la valle qui si apre nel verde corridoio che prelude al Prato di Sant'Orso e alla verde conca di Cogne. Ma vogliamo spendere due parole per questo graziosissimo gruppo di case, che consigliamo vivamente di visitare per la tipicità delle costruzioni e per la vita d'un tempo che ancora difende gelosamente. Ci si rimette in marcia e, superata Crétaz, si arriva finalmente a Cogne. COGNE è il centro vitale e nevralgico della Valle, il capoluogo dell'intera area del Gran Paradiso, nonché la più nota stazione sciistica dell'intero comprensorio. Famoso soprattutto per la fitta rete di piste per lo sci di fondo, il paese vive di un sano turismo montano legato a tutte le quattro stagioni. Non si può non visitare la Parrocchiale di Sant'Orso, il Castello Reale (che venne frequentato anche da Vittorio Emanmuele II, il quale ebbe molto a cuore questi luoghi), la Mostra del Merletto, nonché il Museo minerario alpino. SECONDO GIORNO Veramente imperdibile la salita (in seggiovia o a piedi) al Belvedere di MONTZEUC, quota 2068 metri, in posizione paradisiaca su tutta la conca di Cogne, il gruppo l'Emilius, la Punta Tersiva, il "Grampa" e tutto il massiccio del Bianco. Da qui, a piedi, neve permettendo, si può salire fino alla vetta del Montzeuc, raggiungendo i 2333 metri in un'atmosfera veramente idilliaca. Possibili avvistamenti di stambecchi e camosci, nonché di marmotte in estate. Se siete in vena di panorami, non perdete l'occasione di una veloce salita in auto nella frazione di GIMILLAN, dirimpettaia ci Cogne, da dove lo sguardo può spaziare indisturbato su tutta la testata della Valnontey. Imperdibile, poi, il tour delle CASCATE DI LILLAZ. La strada, da Gimillan, scende sul Piano di Sylvenoire, fino ad arrivare al caratteristico villaggio di Lillaz, frazione di Cogne, allo sbocco della Valeille. Da qui si seguono le indicazioni per le Cascate, che sono raggiunte da un comodo sentiero adatto a tutti. TERZO GIORNO A conclusione di questo week-end nella Valle di Cogne, non possiamo che concludere invitandovi all'esplorazione della fantastica VALNONTEY, che s'incunea con straordinari percorsi naturalistici fin nel cuore del massiccio del Gran Paradiso! Mountain-bike, cavalli o scarpe da trekking che siano, non importa come vi muoviate: qui l'importante è saper cogliere con gli occhi la bellezza imprescindibile della natura. Il comodo sentiero percorre l'intera vallata, dal Giardino Alpino Paradisia (che consigliamo di visitare) fino al Pont de l'Erfaulet (1830 m. slm), sotto le severe guglie rocciose della Testa di Valnontey e sotto gli strapiombanti seracchi del Ghiacciaio della Tribolazione. Prima del ritorno verso casa, rimane praticamente d'obbligo il pranzo nelle malghe della vallata o nel caratteristico centro di Valnontey. Il tutto, ovviamente, condito dall'ottimo Génépy di casa... E, magari, a suon di grolla!

Autore : Emanuele Latini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 03.47: A1 Roma-Napoli

incidente rallentamento

Traffico rallentato causa incidente nel tratto compreso tra Frosinone (Km. 623,8) e Ceprano (Km. 64..…

h 03.37: SS12 Dell'abetone E Del Brennero

frana

Strada chiusa al traffico causa misure di sicurezza nel tratto compreso tra Incrocio Cutigliano B...…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum