Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Isolati dalla neve: un Idillio Invernale

Una delicata poesia tradotta da un nostro lettore

Natura e meteo - 28 Gennaio 2001, ore 10.40

Per la serie "Non ci resta che sognare", ho tradotto la prima parte di una lunghissima poesia del poeta americano John Greenleaf Whittier (1807-1892) che descrive un ricordo della sua infanzia trascorsa in una fattoria solitaria del Massachusetts. Se un giorno inventeranno una macchina del tempo saprò subito dove andare.... A cura di Fabs Snow-Bound: A Winter Idyl (Isolati dalla Neve: un Idillio Invernale) Il sole, in quel breve giorno di Dicembre Sorse pallido sopra colline grigie, E, cerchiato di scuro, diede a mezzogiorno Una luce più triste della luna calante Spandendo giù lentamente per il cielo che si copriva La sua muta e cupa profezia, Fenomeno quasi minaccioso, Sparì dalla vista prima di tramontare. Un gelo che nessun cappotto riusciva a respingere Per quanto pesante e di lana domestica, Una sensazione acuta, persistente e aspra di freddo, Che bloccava, a mezza vena, il flusso Del sangue vitale sul viso teso, Annunciò l'arrivo della bufera. Il vento girò da est: sentivamo il ruggito Dell'Oceano sulla spiaggia d'inverno, Che a forti raffiche pulsanti Agitava la nostra aria di terraferma. Nel frattempo svolgemmo le faccende serali, Portammo la legna in casa, Rivestimmo le stalle, e prendemmo dai cumuli di fieno Il foraggio per le mucche; Sentimmo il cavallo richiedere nitrendo il granturco; E, sbattendo uno zoccolo dopo l'altro, Attaccato alle stanghe, con impazienza Il bestiame scuoteva questi archi di noce; Mentre, scrutando dal suo trespolo Sopra il palo di betulla, Il gallo piegò l'elmetto crestato E lanciò la sua sfida petulante. Non più scaldata da alcuna luce crepuscolare, La giornata grigia si mutava in notte, Una notte resa bianca dal turbinio di danza Della bufera accecante, Un oscillare a zig zag, avanti e indietro Percorreva e ripercorreva la neve alata: E prima che fosse ora di coricarsi, I cumuli bianchi raggiungevano la finestra, E attraverso il vetro i pali degli appendipanni Ci guardavano come alti e bianchi fantasmi. Tutta la notte la bufera furoreggiò: Il mattino sorse senza sole; Con sfere minuscole e venata di linee Dei segni geometrici della Natura, Con fiocchi stellati, e faville, Tutto il giorno scese la meteora ghiacciata; E quando sorse splendente il secondo mattino, Noi ammirammo un mondo sconosciuto, E niente poteva più dirsi familiare. Attorno a quella meraviglia scintillante Si estendevano le mura azzurre del firmamento, Non nubi sopra, non suolo sotto, Un universo di cielo e di neve! I vecchi oggetti quotidiani Assumevano forme stupefacenti; strane cupole e torri S'ergevano dove erano il porcile e il granaio, O il muro del giardino, o il confine del bosco; Al posto degli sterpi da ardere un cumulo liscio, Un mucchio di neve senza steccato dove prima era la strada; Il palo delle briglie era un vecchio seduto Con un cappotto largo e un alto cappello a tricorno; E perfino l'asta sopra il pozzo, alta e solitaria, Nel suo splendore obliquo, sembrava ricordare Il miracolo pendente di Pisa. 1866

Autore : Traduzione a cura di Fabs (da Mestre)

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum