Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il problema dell’inquinamento marino alla foce dei fiumi

La salute del nostro mare è notevolmente migliorata negli ultimi anni, ma non guarita del tutto. Una potenziale fonte di inquinamento arriva dai fiumi che raccolgono durante il loro percorso molte sostanze inquinanti. Queste si riversano in mare alla loro foce.

Natura e meteo - 4 Giugno 2003, ore 09.39

Vi ricordate una decina di anni fa, quando le nostre spiagge erano letteralmente “costellate” da divieti di balneazione? Per potersi tuffare in mare un bagnante era costretto a recarsi anche molto lontano dai centri abitati, per non incorrere, appunto, in qualche divieto. Da allora, in verità, molto è stato fatto; l’istallazione di depuratori ha permesso una maggiore balneabilità dei nostri litorali, anche in zone relativamente vicine ai grandi agglomerati urbani. La maggiore sensibilizzazione in campo ambientale avutasi in questi ultimi anni ha limitato l’emissione di sostanze inquinanti, soprattutto di tipo organico, che fino alla fine degli anni ottanta venivano liberamente rilasciate in mare da collettori fognari senza controllo. Nonostante i grandi passi in avanti fatti, il mare non risulta ancora del tutto al sicuro. Tralasciando in questa sede l’inquinamento da idrocarburi che al momento resta la forma di inquinamento più grave, concentriamoci su quello che succede alla foce dei grandi fiumi o magari anche dei semplici torrenti di media portata. Un fiume grande come il Po o il Tevere attraversa un’area molto vasta di territorio, venendo a contatto con diverse forme di inquinamento: da quello organico ( meno grave) a quello chimico ( più grave). Naturalmente se l’inquinamento risulta senza controllo nel letto di un fiume, i suoi effetti saranno visibili non solo nel fiume stesso, ma anche nello specchio di mare antistante alla sua foce. Quindi il problema del controllo degli scarichi fognari ed industriali deve essere fatto a monte, per evitare che le acque raggiungano il mare con alti livelli di inquinanti. Anche in questo caso qualcosa si sta facendo, tramite l’installazione di appositi depuratori lungo i corsi d’acqua che consentono una notevole diluizione, se non purificazione totale, delle acque reflue. In alcune aree del nostro Paese tali depuratori sono già in funzione, mentre in altre zone, purtroppo, si continua a scaricare nei fiumi inquinanti di ogni genere senza un benché minimo controllo. Per far si che il nostro mare migliori ulteriormente la sua salute occorre un ulteriore sforzo da parte di tutti, per evitare il più possibile la diffusione di sostanze inquinanti nei nostri fiumi e torrenti. Solo in questo modo, un domani, si riuscirà ad avere le acque delle nostre spiagge veramente pulite.

Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 07.12: SP23(OR) SS388-Fordongianus-Abbasanta

blocco

Tratto chiuso causa manifestazione nel tratto compreso tra Incrocio SS388-Fordongianus e Incrocio D..…

h 07.01: A4 Milano-Brescia

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Rovato (Km. 203,4) e Ospitaletto (Km. 208,4) in direzione Bresc..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum