Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il massiccio del Pollino

I segreti di una montagna spesso ingiustamente trascurata.

Natura e meteo - 4 Giugno 2002, ore 08.18

Il massiccio del Pollino é Parco nazionale. Il versante settentrionale fa parte del territorio lucano mentre il versante opposto fa parte della Calabria. La dorsale per un lungo tratto é confine tra le provincie di Potenza e Cosenza. Il periodo migliore per una visita é quello compreso tra la fine della primavera e l'autunno; comunque non essendo molti i punti cui appoggiarsi, prima di programmare percorsi lunghi é opportuno consultare le condizioni meteorologiche. Il nome Pollino sembra derivato dal latino Apollineus e si riferisce al potere curativo che posseggono alcune piante. Sul massiccio, ultimo baluardo calcareo nell'Appennino meridionale, data l'altitudine notevole vi sono tracce del glacialismo (sviluppo e ritiro dei ghiacciai) e alcuni depositi morenici. Il rilievo, costituito da calcari cretacei, nel versante calabro mostra profili aspri e scoscesi; in quello settentrionale profili ondulati e incisi nelle argille. La linea della cresta ha diverse cime prossime ai 2000 m: la vetta del monte Pollino (2248 m) è quasi al centro mentre a sud-est la Serra di Dolcedorme raggiunge la massima altitudine con i suoi 2267 m. Il Pollino per la sua altitudine e la posizione a cavallo di due mari ha precipitazioni che superano i 1400 mm all'anno e quelle che assumono forma nevosa, per la configurazione del terreno, non lasciano le praterie di alta quota sino alla primavera inoltrata. Nelle fasce intorno ai 700-800 m di altitudine domina il cedro e più in alto, sino a 1900 m, ampie superfici sono occupate dai faggi alcuni dei quali raggiungono anche 40 m di altezza. Oltre ai faggi si trovano in numero considerevole gli abeti bianchi con la corteccia grigio-argento. Il pino loricato, isolato o in gruppi, é il simbolo del Pollino e svetta nelle zone più prossime alle cime. Ha la corteccia a placche e la sua sagoma é contorta perché piegata dai venti. Incalzato dal faggio che lo ha spinto sempre più in alto, stanzia sulle pietraie e nei luoghi più impraticabili. Benché la caccia abbia decimato la fauna, vi si trovano ancora cinghiali, lontre, faine, ghiri, scoiattoli e lupi. Per quanto riguarda i rapaci, l'avvoltoio degli agnelli é estinto mentre rimangono il falco pellegrino, il nibbio e l'acquila reale.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 09.32: A14 Ancona-Pescara

incidente rallentamento

Traffico rallentato causa ripristino incidente nel tratto compreso tra San Benedetto Del Tronto (Km..…

h 09.30: A56 Tangenziale Di Napoli

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Arenella e Corso Malta (Km. 19,4..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum