Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il castagno

Cerchiamo di capire qualcosa di più su questo albero dal portamento elegante, tipico dei boschi di media montagna.

Natura e meteo - 15 Ottobre 2002, ore 10.11

Quando ci apprestiamo a fare una bella camminata in un bosco, non possiamo fare a meno di notarli: i castagni. In questo periodo ci offrono anche dei frutti prelibati, che possono venire cotti in svariati modi e usati come ingredienti per molti dolci: le castagne. Molti pensano che i castagni nascano spontaneamente. In effetti al giorno d’oggi si tratta di una pianta spontanea, ma anticamente venne introdotta addirittura al tempo dei romani e serviva essenzialmente per scopi alimentari. Oggi i castagni formano boschi caratteristici che riguardano il piano sub-montano e colonizzano soprattutto i terreni dei versanti esposti a nord del nostro Appennino, dato che questa pianta ha bisogno di molta umidità per crescere. I boschi di castagno necessitano di tagli periodici degli esemplari più vecchi in modo da mantenere il bosco giovane. Si tratta, infatti, di boschi “cedui”. Le radici di questi alberi, infatti, sono piuttosto superficiali e riescono ad ancorare la pianta al substrato solo per un determinato periodo. Se il castagno invecchia e cresce a dismisura, magari anche su un terreno in pendenza, può succedere che il peso della pianta non venga sopportato dalle radici e alla prima perturbazione esterna (vento, neve, galaverna) si abbia uno schianto al suolo. Siccome le piante sono spesso ravvicinate, ad uno schianto possono seguirne altri, con un meccanismo a catena che danneggia irreparabilmente il bosco. In questo modo, quando il bosco non viene regolato a dovere, è facile imbattersi in alberi schiantati al suolo quasi come fossero delle tessere del domino, ovvero uno sopra all’altro, con gravi ripercussioni per il terreno sottostante. Riguardo alle castagne, la loro qualità dipende dalle condizioni climatiche e ambientali presenti nel momento del loro sviluppo. In occasione di anni molto secchi, le castagne si presentano piccole e di scarsa qualità dentro i ricci. Addirittura i ricci stessi possono cadere secchi, con al loro interno un frutto esile. Viceversa, con condizioni di elevata umidità e precipitazioni, le castagne si presentano di grosse dimensioni e di ottima qualità.

Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum