Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

I batteri mangia-petrolio

Il rimedio forse più efficace nella lotta alle chiazze di petrolio viene da alcuni antichi batteri.

Natura e meteo - 13 Aprile 2004, ore 10.10

Quasi tutte le nostre attività industriali e non, sono petrolio-dipendenti. L'oro nero viene estratto e portato praticamente ovunque nel mondo. Eppure, se vediamo i mezzi con cui viene trasportato, c'è da mettersi le mani nei capelli! Navi spesso vecchie e fatiscenti, oleodotti con alcune perdite; tant'è che in certe sciagurate occasioni avviene il disastro... la petroliera incagliata a pochi metri da riva, la cisterna forata... milioni di tonnellate di greggio in mare e periodi drammatici per l'ecosistema locale. Per salvare il salvabile vengono escogitati numerosi metodi: barriere galleggianti, incendio delle chiazze in mare, solventi chimici, ma il più delle volte è il duro lavoro di centinaia di volontari che ripuliscono con ogni mezzo le spiagge e i malcapitati animali incatramati. Una tecnica molto promettente messa a punto negli istituti di ricerca di diverse nazioni europee, fra cui l'Italia, consiste in una vera e propria guerra batteriologica a questo nemico nero: si chiama "bioremediation" e consiste nell'impiego massiccio dei BIC, batteri idrocarburoclastici, che fanno del petrolio e dei suoi derivati l'elemento principale della loro dieta. I loro nomi sono quasi impronunciabili: Alcanovirax, Oleiphilus, Oleispira e Thalassolituus. Non sono dei medicinali! Si tratta di microrganismi antichissimi che proliferavano milioni d'anni fa, quando la Terra era un mondo inospitale e nell'acqua erano disciolti numerosi veleni ed idrocarburi. Sono sopravvissuti in buche sotterranee, spesso adiacenti a grandi giacimenti petroliferi ed oggi sono stati riscoperti e studiati. Il loro utilizzo è semplicissimo: si immettono nel tratto di mare interessato dalla chiazza di petrolio e in 10/15 giorni si moltiplicano a tal punto da divenire la popolazione batterica predominante. Crescono finché non hanno fagocitato tutto il petrolio a disposizione, biodegradandone i composti più recalcitranti, producendo biomassa autoctona, acqua e gas. Una volta finito il loro compito, non avendo più cibo, questi batteri muoiono in pochi giorni non lasciando alcuna traccia di sé, se non un ecosistema fuori pericolo. Il progetto è in fase di studio ma i vantaggi che si profilano sono enormi: i costi per la coltivazione della colonia batterica sono bassi e il rendimento è molto alto. Se in futuro vi saranno altri disastri del genere, avremo sicuramente quattro alleati in più.

Autore : Simone Maio

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 07.35: A14 Bologna-Ancona

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Ancona Sud (Km. 230,4) e Ancona Nord (Km. 213,5) in direzione B..…

h 07.35: A1 Roma-Napoli

coda incidente

Code per 1 km causa incidente nel tratto compreso tra Caianello (Km. 700,8) e Capua (Km. 719,8)..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum