Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

E’ autunno, cadono le foglie

I nostri boschi si colorano dei più svariati tipi di tonalità: dal marrone chiaro al rosso. Le foglie ingialliscono, ma ogni albero le perde in un determinato periodo dell’autunno.

Natura e meteo - 10 Settembre 2002, ore 12.06

Siamo in settembre. Dal punto di vista astronomico l’autunno inizia il 23, giorno dell’equinozio, mentre per i meteorologi il giorno 1 può già considerarsi autunno a tutti gli effetti. Anche se il tempo offre ancora delle belle giornate quasi dal sapore agostano, le giornate si accorciano e la sera serve quasi sempre una giacca per uscire di casa. Se l’uomo si accorge di tutti questi cambiamenti, le piante non possono fare altrimenti. Tuttavia, se l’uomo può continuare tranquillamente la sua vita, magari rimanendo al coperto quando piove o fa freddo, le piante non lo possono fare e devono di conseguenza adottare stratagemmi che consentano loro di sopportare qualsiasi condizione esterna. La caduta delle foglie è uno di questi stratagemmi. Se noi analizziamo da vicino una pianta, notiamo che questa è composta da tre parti fondamentali: radici, fusto e foglie. Le radici, oltre alla funzione di ancoraggio al terreno, fungono da elementi assorbenti di acqua e sali minerali. Questi componenti essenziali vengono poi messi in circolo attraverso la pianta stessa tramite veri e propri vasi conduttori situati nel fusto, un po’ come il sangue nel nostro organismo. Le foglie, invece, hanno funzione fotosintetica e sono collegate ad un ramo tramite una giuntura chiamata “picciolo”. La fotosintesi clorofilliana, processo che consente alla pianta di sopravvivere, è praticamente il contrario della nostra respirazione: in poche parole noi respiriamo ossigeno ed espelliamo anidride carbonica, le piante incamerano anidride carbonica ed espellono l’ossigeno. Il meccanismo della fotosintesi clorofilliana, che è operato dalle foglie, è in stretto rapporto con la luminosità; se questa è scarsa o assente la pianta non può compiere questo processo e conseguentemente muore. Il pigmento presente nelle foglie è chiamato clorofilla e conferisce un colore verde alle foglie stesse, un po’ come l’emoglobina conferisce il colore rosso al sangue. Quando arrivano i primi freddi e le giornate si accorciano, questo processo viene notevolmente rallentato. In corrispondenza del picciolo fogliare si forma uno strato di sughero, chiamato “strato di abscissione” che non consente più alla foglia di prelevare le sostanze nutritive dal fusto. Conseguentemente la foglia si secca e poi cade. Nell’immaginario comune si pensa che sia in prevalenza il freddo a determinare la caduta delle foglie. In realtà una notevole dose di importanza viene attribuita al cosiddetto “fotoperiodo”: le giornate presentano meno luminosità e la pianta ne risente con un rallentamento del processo fotosintetico. Alcune piante conservano le foglie più a lungo rispetto ad altre a seconda delle specie. Altre invece non le perdono affatto e sono sempreverdi. Addirittura un particolare tipo di quercia, la Roverella, molto comune in Liguria, le mantiene a lungo, pur non essendo un sempreverde; addirittura nel mese di febbraio la si può vedere con le foglie secche ancora attaccate. Molte specie di piante, diversi adattamenti e conseguentemente diversi colori nei nostri boschi. Ecco l’autunno, stagione triste è vero, ma molto bella e variopinta nelle nostre campagne. Fateci caso!

Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 02.34: A12 Roma-Civitavecchia

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Maccarese-Fregene (Km. 11,3) e Svincolo Di S.Severa-S.Marinella (Km..…

h 01.51: A56 Tangenziale Di Napoli

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Vomero (Km. 12,9) e Camaldoli (Km. 14,7) in direzione allacciam..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum