Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Come funziona un impianto di depurazione delle acque?

Ecco quali tappe devono essere compiute in un depuratore per una purificazione quasi completa delle acque nere in ingresso.

Natura e meteo - 28 Marzo 2003, ore 10.24

Tra tutte le forme di inquinamento che il mare purtroppo conosce, quello di tipo organico, pur rivestendo una notevole importanza, rappresenta il meno pericoloso per l’ecosistema; meno pericoloso rispetto all’inquinamento chimico e da idrocarburi, che può distruggere tutte le forme di vita presenti in uno specchio d’acqua talvolta anche ampio. Tuttavia, la presenza di particelle inquinanti organiche nelle acque antistanti le coste ha costituito un grave problema in passato, in quanto si trattava della forma di inquinamento più diffusa che poteva far scattare divieti di balneazione in zone anche molto belle dal punto di vista paesaggistico e naturalistico. Cosa comporta, in sostanza, un aumento delle sostanze organiche in uno specchio d’acqua? In primo luogo una diminuzione dell’ossigeno disciolto con conseguente stress per tutti i vegetali ed animali che vivono al loro interno. Il fenomeno viene chiamato “ eutrofizzazione” e si manifesta con notevoli emissioni di sostanze volatili maleodoranti. Se la concentrazione di sostanze organiche disciolte nell’acqua non è molto elevata, non si registrano problemi particolari; se invece tale concentrazione supera un certo limite, da un ambiente di tipo eutrofico si può passare ad un ambiente di tipo distrofico, dove tutte le forme di vita sono eliminate a causa della totale mancanza di ossigeno, con produzione di sostanze nocive, tra cui l’acido solfidrico. Fortunatamente si tratta dello stadio ultimo del processo di eutrofizzazione. Nel corso degli ultimi anni molto è stato fatto per eliminare questo tipo di inquinamento, con l’installazione di appositi impianti per la depurazione delle acque nere in ingresso. Un depuratore non è altro che un insieme di vasche di decantazione. Le acque nere entrano e passando attraverso una specie di griglia mobile, vengono private di tutti i corpi solidi che trasportano, tra cui pezzi di plastica in primis (grigliato). A questo punto l’acqua viene convogliata nelle vasche che sono disposte in leggera pendenza. Il processo di decantazione fa depositare sul fondo tutte le sostanze nocive che hanno un peso specifico superiore a quello dell’acqua. Dopo una serie di passaggi da una vasca all’altra si arriva alla fine del processo, con l’acqua che abbandona l’ultimo recipiente quasi completamente depurata. In questo modo può essere tranquillamente emessa in mare, senza che crei grossi problemi. Ovviamente il processo che abbiamo descritto riguarda un depuratore perfettamente funzionante; per farlo funzionare al meglio, l’impianto necessita di periodiche opere di pulizia con lo stoccaggio dei sedimenti e del “grigliato” iniziale con costi anche abbastanza elevati. Se l’impianto non viene periodicamente revisionato, il depuratore può funzionare male, con conseguente scarsa purificazione delle acque in uscita.

Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 04.26: A24 Roma-Teramo

problema

Mezzi spargisale in azione nel tratto compreso tra Valle Del Salto (Km. 75,2) e L'aquila Est (Km. 1..…

h 04.13: A25 Torano-Pescara

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Avezzano (Km. 88,1) e Allacciamento A14 Bologna-Taranto (Km. 186,2)..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum