Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Uragani: dove si sviluppano? Perché proprio in certe zone?

Cerchiamo anche di capire come viene valutata la loro potenza.

MeteoLive school - 18 Settembre 2003, ore 11.57

Le depressioni che colpiscono l’Italia e l’Europa in generale possono essere molto intense, tanto da provocare nelle stagioni intermedie o in inverno violente tempeste di vento. Queste si manifestano però solo per poche ore, ed in zone relativamente limitate; sappiamo quindi che non raggiungeranno mai la spettacolarità e la potenza di un uragano bene organizzato. Per quale motivo esiste questa distinzione? A causa di quattro fattori principali: 1) I mari fra i Tropici e l’Equatore sono molto più caldi rispetto agli altri. 2) Il più economico meccanismo di dissipazione dell’energia in prossimità dell’Equatore è la convezione, ossia il movimento verso l’alto delle masse d’aria calda, e non (come accade alle medie latitudini) la generazione di estese figure bariche che ridistribuiscano il calore su aree più vaste, sviluppando meccanismi di avvezione (movimenti prevalentemente orizzontali). 3) L’occhio è la valvola di sfogo dell’uragano, il canale attraverso il quale le masse d’aria spinte verso l’alto nel movimento antiorario all’interno del ciclone, vengono nuovamente allontanate a quote fra gli 11 ed i 13 km; se questo non avvenisse, si avrebbe un accumulo di aria nel centro del ciclone, e quindi un aumento di pressione; il vortice si esaurirebbe in poche ore. Se ci pensate il meccanismo è simile a quello degli aspirapolvere; da una parte questi risucchiano l’aria e la polvere, dall’altra ributtano fuori l’aria; se tappaste quest’ultimo foro probabilmente la polvere rimarrebbe in terra senza essere aspirata. Nel caso delle depressioni alle nostre latitudini l'occhio non si forma quasi mai, e quindi i vortici tendono rapidamente ad esaurirsi; nel caso degli uragani è invece spesso presente una struttura barica particolare, che vede sovrapposto alla depressione un centro di alta pressione, che "soffia via" le masse d'aria alle alte quote (in senso orario) o una corrente a getto, che ha la stessa funzione, ma è meno efficace. 4) Gli Alisei sono venti che sostengono un uragano, sospingendolo verso ovest ed aiutando le correnti d’alta quota a portare via le masse d’aria dall’occhio (come descritto nel punto 4). Ecco perché gli uragani si sviluppano fra i 5 ed i 30° di latitudine sull’Oceano Atlantico orientale o sul Pacifico orientale. Ma qual è il periodo di maggiore frequenza degli uragani? Dipende ovviamente dalla zona del Globo che andiamo ad analizzare, ma per quanto riguarda l’Atlantico centrale in generale l’autunno è il periodo più prolifico, perché fra l’Equatore ed il Tropico del Cancro c’è una grande quantità di calore da dissipare, accumulata prevalentemente durante l’estate. E come viene valutata la potenza di un uragano? Si utilizzano delle convenzioni ormai molto diffuse; in particolare è nota la Scala di Saffir-Simpson, che si basa sulla velocità del vento ed i potenziali danni che esso può fare: Categoria 1: Il vento soffia mediamente fra i 118 ed i 152 km/h, grazie ad una pressione all’interno dell’occhio che generalmente si aggira attorno ai 980 hPa al suolo. Categoria 2: Venti fra 153 e 176 km/h, con danni moderati e pressione fino a 965 hPa al suolo. Categoria 3: Venti fra 177 e 208 km/h, con danni ingenti e pressione fino a 945 hPa al suolo. Categoria 4: Venti fra 209 e 248 km/h, con danni estremi e pressione fino a 920 hPa. Categoria 5: Venti oltre i 249 km/h, con danni catastrofici e pressione inferiore ai 919 hPa. Tanto per avere un’idea della potenza degli uragani, si può dire che nel caso dell’uragano “Camilla” (agosto 1969) furono registrati venti fino a 338 km/h sulla costa dell’Alabama; il Tifone “Tip” (Ottobre 1979) è invece ricordato per la pressione atmosferica più bassa registrata al suolo: ben 870 hPa!

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 01.31: A13 Bologna-Padova

rallentamento

Veicoli lenti nel tratto compreso tra Rovigo Sud - Villa Marzana e Allacciamento A14 Bologna-Tarant..…

h 00.35: A2 Autostrada del Mediterraneo

vento-forte

Vento forte nel tratto compreso tra Svincolo Frascineto-Castrovillari (Km. 194,3) e Svincolo Sibari..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum