Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Pillole meteo: il Windshear e la NAO

Cerchiamo di capire con poche parole cosa sono questi 2 fenomeni

MeteoLive school - 18 Gennaio 2003, ore 08.20

Windshear: tradotto letteralmente significa “deformazione del vento” e si riferisce alla possibilità di un cambiamento repentino della direzione e dell’intensità del vento in un’area ristretta. Si suddivide il windshear orizzontale da quello verticale a seconda che vogliamo studiare la variazione delle correnti nell’una o nell’altra “direzione”. Il windshear verticale lo si osserva in caso di atmosfera instabile o comunque in rapido movimento. Infatti guardando le nubi in vista di un peggioramento, capita spesso di notare che queste provengono da direzioni diverse a seconda della loro quota di scorrimento. Molte volte con una osservazione più attenta riusciamo anche ad individuare una certa regolarità nel cambiamento di direzione delle correnti con la quota: ad esempio possiamo vedere che le nubi basse vengono da E, quelle medie da S-SE e quelle ai livelli più alti da SW. In questo caso possiamo intuire che con l’elevarsi della quota il vento tende a ruotare in senso orario (sempre riferendosi ad osservazioni dall’alto); allora si parla di “Windshear positivo”. In tale situazione, se sono presenti dei cumulonembi nei dintorni, dato che queste nubi sono sviluppate per molti chilometri in verticale, la diversa direzione ed intensità delle correnti alle varie quote può in certi casi conferire loro una certa rotazione attorno ad un asse centrale. In particolare questo fenomeno si verifica in presenza di correnti deboli al suolo e nei bassi strati ed intense alle alte quote. Allora, dato che in caso di windshear positivo la nube prenderà una rotazione antioraria, ossia la stessa delle depressioni più estese, la spinta verso l’alto dell’aria calda verrà accentuata e la nube tenderà ad accrescersi ulteriormente, fino a sfondare il limite della troposfera. Di conseguenza i fenomeni provocati dalla nube, quali pioggia, fulmini e grandine si riveleranno molto intensi e localmente persistenti. Se invece alzandosi con la quota il vento subisce una rotazione antioraria (ad esempio proviene da SW al suolo, da SE alle quote medie e da E al limite della troposfera) si parla di windshear negativo ed in questo caso lo sviluppo delle nubi temporalesche è sfavorito. Basta quindi un’attenta osservazione della direzione di provenienza delle nubi in vista di un peggioramento per capire se questo sarà più o meno intenso. NAO: è l’acronimo di Northern Atlantic Oscillation; si tratta di una estesa e frequente anomalia nella circolazione atmosferica sull’Atlantico settentrionale, che porta conseguenze sul normale flusso delle correnti occidentali miti alle medie latitudini europee e quindi anche sulla posizione delle 2 figure bariche principali che dominano sull’Oceano: l’anticiclone delle Azzorre e la depressione d’Islanda. Le conseguenze sul clima europeo sono evidenti soprattutto nel periodo invernale e sono diverse a seconda che la NAO sia positiva o negativa. Vediamo di descrivere 2 situazioni tipiche: in caso di NAO positiva le correnti occidentali miti che scorrono sul nord-Atlantico tendono a rafforzarsi e quindi sull’Europa arrivano catene di perturbazioni moderate con piogge abbastanza frequenti e temperature alte per la stagione. Se invece la NAO è negativa, l’anticiclone tende a migrare verso nord, ed al suo posto, sulle Azzorre si genera una depressione piuttosto profonda; allora le correnti stavolta migrano dalle coste statunitensi verso la Groenlandia e l’Islanda per poi tuffarsi verso sud una volta raffreddatesi. Di conseguenza il tempo sull’Europa risulta molto più freddo, temporaneamente con temperature sotto la media; inoltre sarà piuttosto secco su Inghilterra ed Europa occidentale in genere, più tempestoso ed umido sul settore orientale del Continente. Le conseguenze sull’Italia possono essere molteplici, a seconda della direzione di provenienza delle correnti: si va da un intenso foehn sulle regioni nord-occidentali, alla possibile formazione di una potente depressione sul Tirreno. Purtroppo non c’è una regola fissa in situazioni di NAO negativa o positiva e le configurazioni bariche andranno valutate di volta in volta.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 10.59: A14 Pescara-Bari

coda rallentamento

Code causa traffico intenso a Vasto Sud (Km. 454,6) in uscita in entrambe le direzioni dalle 10:5..…

h 10.57: SS6 Via Casilina

incidente rallentamento

Traffico rallentato, incidente a 8,07 km prima di Incrocio Capua - A1 Milano-Napoli - SS7 Via Appi..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum