Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il nemico impalpabile

Analizziamo insieme il fenomeno nebbia

MeteoLive school - 6 Marzo 2001, ore 11.21

Abbiamo avuto ed avremo ancora modo di sentire parlare spesso di nebbie fitte, divisibilità scarsa o nulla, di aeroporti chiusi, di voli dirottati e, purtroppo di gravi incidenti stradali causati da tamponamenti a catena. Vediamo di spiegare questo pericoloso fenomeno che, a volte, si è portati a sottovalutare. La zona d'Italia maggiormente colpita, come armai tutti sappiamo, è la Pianura Padana, anche se non mancano forti riduzioni della visibilità nelle valli in genere, in Puglia e lungo gran parte delle zone litoranee. In Val Padana però le nebbie persistenti sono assai più frequenti per molteplici fattori. Innanzitutto la struttura morfologica: una vasta pianura circondata quasi interamente da montagne, per cui l'aria, soprattutto in regime di alta pressione, tende a ristagnare e a non subire rimescolamenti di sorta in quanto i venti faticano a trovare un varco e solo quelli provenienti da Est hanno la strada abbastanza sgombra.A questo si aggiunge la presenza di un complicato e ricco sistema fluviale, con il Po ed i suoi affluenti ed una vegetazione sviluppata: entrambi i fattori facilitano l'umidifcazione dell'aria. Ecco dunque formarsi la nebbia, cioè delle vere e proprie nubi, costituite da minutissime goccioline d'acqua in sospensione, il cui diametro si aggira tra i 30 me i 45 millesimi di millimetro. A questo fenomeno naturale si aggiunge poi la presenza, nella bassa atmosfera, di polveri, scorie e fumi dovuti ai residui delle combustioni operate dalle fabbriche e dalla circolazione automobilistica. Si moltiplicano allora nell'aria i cosiddetti «nuclei di condensazione», microscopiche particelle solide attorno alle quali condensano poi le gocce di vapore. Tra i tipi di nebbia più diffusi vi è quella da «irraggiamento o da inversione» che è causata dal forte raffreddamento del suolo durante la notte; gli strati d'aria a contatto con il terreno, subiscono pertanto anch'essi un raffreddamento che provoca, a sua volta, la condensazione del vapore acqueo, cioè il passaggio dallo stato aeriforme allo stato liquido. Alcune volte la nebbia ha poco consistenza e poco spessore, tanto da poter intravedere, attraverso di essa, il sole o la luna. Altro tipo di nebbia è quello di «avvezione», causata dall'arrivo di aria calda, trasportata dai venti e dalle perturbazioni, su superfici più fredde o la «nebbia di mare» che si forma però preferibilmente in primavera o in autunno.La nebbia in banchi è forse quella più pericolosa, soprattutto per gli automobilisti perchè si alternano a zone con discreta visibilità che inducono ad aumentare la velocità del mezzo.In conclusione, le condizioni ideali al verificarsi del fenomeno sono queste: presenza di una zona di alta pressione con cielo sereno e assenza di venti, elevato tasso di umidità dell'aria. I meteorologi che prevedono tali condizioni, osservano anche continuamente due dati essenziali: la temperatura normale e la temperatura di rugiada o di saturazione: se questi due valori si avvicinano l'uno all'altro, subentrano condizioni di pericolo. Non resta, dato che nessuno è ancora riuscito a dissipare la nebbia su vasta scala, che usare la massima prudenza e, per gli automobilisti, la minima velocità. Qui di seguito sono riportate le medie trentennali annue dei giorni con nebbia per alcune località Italiane : Modena 129 Venezia 88 Milano 75 Ferrara 57 Piacenza 53 Sesto Calende 50 Torino 50 Forlì 38 Firenze 31 Bologna 30 Tarvisio 22 Roma 16 Prendendo in considerazione un periodo più limitato (dieci anni), restringendo la statistica nei soli mesi di Dicembre, Gennaio e Febbraio e facendo tre rilevazioni al giorno (alle 7, alle 13 e alle 19) questi sono i risultati, assai diversi dalla statistica ufficiale: Milano Linate 132 Ferrara 84 Torino 81 Piacenza 78 Parma 73 Enna 71 Verona 64 Bergamo 60 Novi Ligure 60 Asti 54 Bologna 54 Padova 47 Firenze 44 Rimini 40 Ancona 40 Venezia 35 Roma 11

Autore : Simone Pietrosanti

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum