Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il fronte caldo "attivo"

Spesso, in presenza di fronti caldi, le precipitazioni risultano deboli. In alcune circostanze, tuttavia, queste perturbazioni riescono a provocare rovesci e anche dei temporali. Cerchiamo di capire come mai.

MeteoLive school - 30 Ottobre 2007, ore 12.06

Il fronte caldo è il primo elemento perturbatore di un sistema frontale atlantico o mediterraneo. Una perturbazione "classica" è difatti composta da un fronte caldo, un settore caldo e un fronte freddo. Passato quest'ultimo, la massa d'aria ha completamente cambiato le sue caratteristiche di partenza. I contrasti di conseguenza cessano ed i fenomeni solitamente vengono meno. Le precipitazioni più violente sono in genere affidate al fronte freddo. Quando passa la parte terminale della struttura frontale sono spesso presenti anche i classici "temporali di chiusura" che lasciano il cielo terso, un calo dell'umidità e delle temperature. Focalizziamo ora l'attenzione sul fronte caldo; la riuscita o meno della sua fenomenologia è in stretto rapporto con le caratteristiche della massa d'aria presenti sul suolo di arrivo dell'elemento perturbato. Se al suolo è presente aria abbastanza calda, il fronte caldo al suo arrivo troverà una situazione termica quasi analoga a quella presente al suo interno. I fenomeni, di conseguenza, saranno molto scarsi (pioviggini, piogge deboli o al massimo moderate). Viceversa, se il fronte caldo trova un substrato più freddo rispetto alla massa d'aria contenuta al suo interno, essa è costretta a salire (perchè più leggera di quella fredda sottostante). Ogni volta che una massa d'aria caldo-umida si solleva genera sempre instabilità. In questo caso il fronte caldo può attivarsi e generare precipitazioni anche a carattere di rovescio o temporale. I temporali detti "da fronte caldo" possono avere notevole intensità per via della massa d'aria molto umida. Essi, inoltre, possono persistere per molte ore sui medesimi luoghi (in presenza di ostacoli orografici) e determinare allagamenti o alluvioni "lampo".

Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 23.51: A12 Roma-Civitavecchia

incendio

Incendio nel tratto compreso tra Civitavecchia Sud (Km. 52,1) e Barriera Aurelia (Km. 52,3) in di..…

h 23.39: A16 Napoli-Canosa

rallentamento

Veicoli lenti nel tratto compreso tra Benevento - Raccordo Di Benevento (Km. 68,7) e Grottaminarda..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum