Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il Blizzard: se lo conosci lo eviti (o lo vai a cercare)

Termine americano ultimamente salito agli onori della ribalta anche in Italia per via della straordinaria ondata di gelo siberiano. Ma cosa si intende esattamente e che fenomeno è esattamente il Blizzard?

MeteoLive school - 10 Febbraio 2012, ore 09.00

 Come sempre gli Americani ci arrivano prima. In questo caso lo possiamo anche capire, visto che un vero oceano (e non è l'Atlantico) divide la divulgazione della meteorologia tra noi e i cugini d'oltre oceano. Il termine è nato per identificare quelle tempeste di neve accompagnate da irruzioni di aria artica che durante l'inverno possono investire con estrema severità il Canada e le coste orientali degli Stati Uniti.

E sono stati dunque proprio gli Americani a fissare i connotati di questo temibile fenomeno della natura che naturalmente può verificarsi anche in altre parti del globo, sulle zone polari come lungo la fascia temperata e quindi anche in Europa. Per essere classificato come Blizzard dobbiamo trovarci dinnanzi ad una bufera di neve con vento di almeno 35 mph, ovvero circa 55 km/h e temperature che procurino un wind chill (mix di vento+ freddo) di almeno -20°C.

Con queste condizioni la neve viene soffiata praticamente in orizzontale lungo le streamlines del vento e può causare la diminuzione della visibilità al di sotto dei 500 metri, ma ciò non basta ancora: a una tempesta con queste caratteristiche viene conferito il titolo di Blizzard quando ha una durata superiore alle 3-4 ore.

Se ci pensimo bene il Blizzard in Italia è molto più frequente di quanto si pensi: consideriamo ad esempio le violente bufere di neve che si accompagnano al transito delle perturbazioni invernali sulle cime delle Alpi o dell'Appennino, il cosiddetto "Scaccianeve" nostrano. Il fenomeno può diventare problematico però quando riesce a scendere fin verso le pianure o addirittura sulle zone costiere.

Anche in Italia abbiamo quindi i nostri Blizzard: basti pensare agli effetti della Bora o della Tramontana scura, rispettivamente sul Triestino e sulla Liguria centrale, ma anche i forti venti di grecale quale propaggine estrema del temibile Buran siberiano che investono con particolare severità le nostre regioni adriatiche raggiungendo a  volte perfino le coste.

Trovarsi immersi in una tempesta di questo calibro crea diversi rischi, dovuti essenzialmente alla difficoltà di respirare per via della neve sminuzzata dal vento che si introduce nelle vie respiratorie. Rischi dovuti anche agli accumuli abnormi causati dall'azione eolica ripetuta per diverse ore, nonchè alla visibilità ridotta che, unitamente al rapido attecchimento della neve al suolo, non permette di procedere in sicurezza sulle strade.

Ultimo fattore, ma certo da non sottovalutare, è il rischio di congelamento: ricordiamo che le estremità degli arti (mani e piedi), ma anche lobi delle orecchie e naso, perdono rapidamente calore in favore degli organi interni. Una prolungata esposizione al Blizzard può causare gravi congelamenti con blocco della circolazione sanguigna periferica degli arti, possibile necrosi con il rischio estremo, nei casi più gravi, di amputazione spontanea degli stessi.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 05.48: A90-GRA Aurelia-Salaria

incidente rallentamento

Traffico rallentato causa incidente nel tratto compreso tra Svincolo 2a: Casal Del Marmo e Svincolo..…

h 05.38: A1 Roma-Napoli

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Allacciamento Diramazione Roma Sud (Km. 576,3) e Valmontone (Km...…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum