Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

I contrasti primaverili

Dopo un calo subìto nei mesi invernali, a partire da marzo le piogge di forte intensità tornano a farsi sentire; per quale motivo?

MeteoLive school - 24 Marzo 2004, ore 09.21

Se poniamo l’attenzione sui mesi di dicembre, gennaio e febbraio, notiamo che al NORD in generale i temporali o comunque i forti rovesci ai quali siamo abituati in estate sono praticamente assenti; al loro posto si verificano precipitazioni più blande ma continue e durature. Per spiegare tale fenomeno basta risalire ad una delle condizioni atmosferiche particolari che devono sussistere affinché si sviluppino delle nubi a sviluppo verticale (cumuli e cumulonembi) in grado di portare le piogge più violente; infatti per la genesi di queste strutture nuvolose occorre innanzitutto che aria fredda sia sovrapposta ad aria più calda ed umida. Tenuto a mente questo si capisce che durante i mesi invernali, dato che oltre al terreno anche l’aria ha una temperatura uniformemente piuttosto bassa, i temporali hanno difficoltà a formarsi; riferendosi all’Italia possiamo osservare che alcuni fenomeni temporaleschi invernali si sviluppano solamente sulle regioni meridionali e sulle coste in generale, dove eventuali invasioni di aria mite mediterranea nei giorni precedenti all’arrivo di aria fredda, riescono a “preparare il terreno” per la formazione dei cumuli. In primavera invece il suolo comincia a scaldarsi e con esso anche gli strati di aria più bassi (a partire dai 2-3 km di altezza); in quota però in una prima fase continuano ad arrivare impulsi di aria molto fredda dal Polo o dall’Artico, e di conseguenza si generano le condizioni ideali per la nascita di cellule temporalesche. In queste occasioni non è raro veder cadere improvvisamente la neve anche con 10-12°C al suolo; chiaramente sul terreno non ne rimane traccia ma in tal modo sappiamo che poco più in alto è sempre presente aria molto fredda, sintomo di una stagione che deve ancora “maturare” per portarsi sui canoni di stabilità e mitezza della fase che precede l’estate.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 09.02: A4 Milano-Brescia

coda

Code per 3 km nel tratto compreso tra Rovato (Km. 203,4) e Ponte Oglio (Km. 193) in direzione Mil..…

h 09.01: A4 Milano-Brescia

incidente

Uscita chiusa causa incidente a Ponte Oglio (Km. 193) in uscita in direzione da Brescia dalle 08:..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum