Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Fronti e orografia

Parlando del foehn...

MeteoLive school - 27 Ottobre 2000, ore 15.36

Accostandosi ad un sistema orografico, un fronte può subire deformazioni sia in senso orizzontale che verticale. Quando il rilievo é più alto del livello raggiunto dalla superficie frontale, la deformazione che ne risulta è orizziontale: la massa d'aria post-frontale tende ad aggirare l'ostacolo. Quando, al contrario, il rilievo é più basso del livello cui giunge la superficie frontale, il fronte può superare l'ostacolo ma subisce una deformazione nella propria strutttura verticale. Quando un fronte caldo si avvicina ortogonalmente a un sistema montuoso, la superficie frontale, risalendo lentamente il versante, imprigiona tra sé e quest'ultimo un cuneo di aria fredda: il fronte si arresta, divenendo stazionario nella sua parte inferiore; nuvolosità e precipitazioni perdurano sul versante sopravvento. Proseguendo nel proprio movimento, la parte superiore della superficie frontale, per la presenza delle correnti discendenti, si abbassa un po' sul versante sottovento, interrompendo così la continuità del sistema nuvoloso. Ad una certa distanza dal rilievo, la superficie frontale si ricostruisce con la propria inclinazione originaria, estendendosi fino al suolo. Le fasi significative dell'avvicinamento di un fronte freddo, che si muova in direzione perpendicolare a una catena montuosa, si possono così riassumere: a) l'aria calda che precede il fronte, stretta tra questo e il rilievo, risale più rapidamente il versante sopravvento, determinando l'incremento della nuvolosità e l'accentuazione delle precipitazioni; b) l'arrivo del fronte alla base del rilievo e la successiva risalita di aria fredda sullo stesso versante producono un'ulteriore accentuazione dei fenomeni. c) l'aria fredda, raggiunto il crinale, inizia la propria discesa lungo il versante opposto, dove per effetto del foehn, può determinare il progressivo dissolvimento delle nubi. d) il fronte si ricompone ad una certa distanza dalla catena, dove ricompaiono nubi di tipo cumuliforme. (vedi foto) In generale, gli ostacoli orografici, rallentando il movimento dei fronti, accelerano la formazione di fronti occlusi, cui conseguono un inasprimento delle precipitazioni sul versante sopravvento e una parziale dissoluzione del sistema nuvoloso su quello sottovento.

Autore :

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 21.29: A1 Roma-Napoli

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Colleferro (Km. 592,5) e Allacci..…

h 21.29: A29 Palermo-Mazara Del Vallo

rallentamento

Traffico intenso nel tratto compreso tra 3,49 km dopo Allacciamento Punta Raisi/Diramazione Aeropor..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum