Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Curiosità nostrane: i "cicloni" padani

Le evoluzioni cui sono sottoposte le correnti quando entrano forzatamente sul catino padano possono produrre situazioni perturbate singolari, anche di tipo ciclonico. Vediamo di cosa si tratta.

MeteoLive school - 21 Settembre 2011, ore 09.32

 Protetta su tre lati da imponenti catene montuose la val Padana può annoverare un clima tutto particolare, differente anche all'interno dei suoi stessi comparti. Quando un flusso di correnti tenta di forzare i baluardi montuosi per gettarsi sul catino padano i risultati sono sempre sorprendenti. La stasi che spesso caratterizza le masse d'aria intrappolate dai venti deboli lascia spazio ad una dinamicità eccezionale e l'atmosfera assume tutto un altro sapore.

Interessante fu il caso del 27 maggio 2010, quando diverse località padane sono state interessate da una sostanziosa passata temporalesca dovuta alla formazione di un piccolo minimo di pressione, ovvero un piccolo ciclone, proprio sulla grande pianura. In quel caso non fu solo la massa d'aria a giocare i ruoli chiave ma soprattutto il transito di una vera e propria perturbazione, la quale in parte scavalcò l'arco alpino, in parte lo abbracciò per poi infilare un pugno temporalesco dal lato ligure.

Nella prima figura vediamo la struttura nuvolosa di quel giorno come la si poteva inquadrare dalle immagini satellitari. Fu un episodio che sorprese anche molti previsori, dato che le elaborazioni modellistiche non mostravano particolari dosi di precipitazioni in arrivo, cosa he invece era individuabile tramite una analisi in backgound, ovvero sovrapponendo diverse componenti. Nella seconda figura il singolare arco di precipitazioni che si accompagnò al fenomeno.

Come vedete il clima della grande pianura può suscitare sorpese dell'ultim'ora, soprattutto quando i giochi del vento si invorticano e vanno a formare quei tipici cicloncini, noti in gergo come "Padana low" forieri di fenomeni temporaleschi anche molto intensi nella stagione estiva e autunnale.

Sono situazioni che comunque vanno considerate a più ampio respiro, dato che la situazione sinottica che vi si accompagna pò molte volte risultare determinante anche per l'insorgenza di maltempo anche sulle altre regioni d'Italia, perfino al sud e sulle Isole. 


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum