Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Cosa succede sull’Italia quando arriva lo Scirocco?

Arriva la sabbia del deserto, che inizialmente porta una certa scarsità di precipitazioni, ad eccezione delle zone a ridosso delle montagne. Successivamente, con l'approssimarsi di una massa di aria fredda da ovest, arrivano piogge abbondanti per molte regioni.

MeteoLive school - 3 Maggio 2004, ore 10.44

Lo Scirocco è uno dei venti che più frequentemente visitano la nostra Penisola, ma soprattutto è uno dei più caldi, perché si origina nel cuore del deserto algerino, o (più raramente) sulla Libia. Si sviluppa quando una perturbazione a carattere freddo raggiunge da ovest l’Algeria, dando luogo ad un improvviso quanto vistoso calo della pressione atmosferica, che permette l’attivazione dei forti venti da sud; si sollevano quindi notevoli quantità di sabbia desertica, che poi nel letto delle correnti alle basse quote viene trasportata in sulle nostre teste, dando al cielo una caratteristica colorazione giallo-rossastra. Ma l’eccessiva quantità di sabbia in sospensione nell’aria spesso porta anche ad una diminuzione dell’umidità relativa, e quindi alla scarsità di precipitazioni su gran parte delle nostre regioni; le uniche zone che vedono piogge o nevicate sono quelle a ridosso dei versanti montuosi direttamente esposti al vento, come la costa ligure ed i rilievi appenninici adiacenti, le Prealpi e l’alta Pianura Padana. Al contrario le zone che si trovano lungo il versante opposto delle catene montuose risentono di un tipo di tempo secco ma ancor più caldo rispetto alle rimanenti regioni; questo tipo di evoluzione si può osservare ad esempio sulla bassa Pianura Padana (soprattutto fra Modena e Bologna), ma anche sulle Marche settentrionali ed il versante estero alpino. Allora per quale motivo quasi ovunque si dice che lo Scirocco porta piogge abbondanti? Perché nella maggior parte dei casi l’arrivo di questo vento è anche il sintomo del lento avvicinamento di una massa di aria più fresca (di origine atlantica o artica) da ovest; quando questa nuova massa d’aria è molto vicina alle nostre regioni, alle alte quote (fra i 3 ed i 7 km di altezza solitamente) la temperatura inizia a diminuire, portando ad un nuovo aumento dell’umidità relativa, e quindi alla formazione di nuove nubi, sempre più dense e minacciose. In particolare quando il fronte freddo è a ridosso delle nostre regioni, possono scatenarsi delle precipitazioni molto abbondanti, che contribuiscono oltretutto a trasportare al suolo la sabbia del deserto, portando ad un ulteriore aumento dell’umidità relativa dell’aria, nonostante la presenza dello Scirocco; una volta transitata la perturbazione il vento ruota a Libeccio o Maestrale, provocando condizioni di tempo instabile, con aria sicuramente più limpida rispetto alle ore precedenti.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum