Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Come si forma un uragano?

La domanda posta da un lettore ci dà lo spunto per parlarvi senza troppi tecnicismi dei meccanismi di formazione degli uragani.

MeteoLive school - 7 Settembre 2007, ore 10.56

I cicloni tropicali sono conosciuti con nomi diversi nelle varie zone del mondo: prendono il nome di uragani nelle Indie Occidentali e negli Stati Uniti meridionali, cicloni nell'Oceano Indiano, tifoni nel Pacifico e nel Mar della Cina e willy-willies in Australia. Quando una depressione è molto profonda con isobare praticamente circolari, si parla di ciclone tropicale, le perturbazioni più violente per estensione che esistano sul nostro pianeta. Sono in grado di provocare onde alte sino a 15 metri, di sviluppare venti superiori ai 300 km/h. Il maggior numero di essi si forma nel Pacifico occidentale, dove se ne contano circa 18-20 venti all'anno, mentre nel settore orientale dell'Atlantico settentrionale se ne contano in media 6 all'anno. In totale si registrano circa una sessantina di cicloni all'anno su tutta la Terra, di cui oltre il 70% si formano nell'emisfero meridionale. Perchè una depressione sia classificata come ciclone è opportuno che raggiunga velocità del vento superiori ai 120 km/h e mostri una spiccata circolazione rotatoria. Il diametro di un ciclone è di circa 600 km e le nubi torreggianti possono raggiungere i 16 km in altezza. Dai margini esterni della depressione al nucleo, la pressione può diminuire di oltre 60 mb. Questo forte gradiente barico genera il classico movimento a spirale dei venti dalla periferia verso l'interno del sistema. I cumulonembi generalmente costituiscono la struttura più interna del ciclone e sono definiti "le pareti dell'occhio". Alla sommità della struttura ciclonica il flusso si apre verso l'esterno, trasportando l'aria in ascesa lontano dal centro della perturbazione. Nell'occhio la situazione è incredibilmente tranquilla. Questa zona ha un diametro variabile tra i 16 e 22 km. Il cielo in questa zona è sereno, prevalgono le discendenze e la temperatura è gradevole. I cicloni tropicali si formano più frequentemente nella tarda estate, quando le temperature raggiungono circa i 27°C. Una volta raggiunta la terraferma, il ciclone perde energia, perchè il mare e la sua umidità non lo alimentano più; prima di colmarsi o di essere declassata a tempesta tropicale tuttavia, il ciclone può produrre danni enormi al territorio, causando perdite di vite umane.

Autore : Redazione

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum