Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

A cosa è dovuto il “cielo a pecorelle”?

Cerchiamo di spiegare la genesi di questo curioso fenomeno.

MeteoLive school - 1 Ottobre 2003, ore 12.50

Quando vediamo le nubi assumere quella curiosa forma a “scacchiera”, ed invadere quasi completamente tutto il cielo, ci viene quasi istintivamente in mente il famoso detto “Cielo a pecorelle, acqua a catinelle”. Ma questo proverbio ha un fondo di verità? Sicuramente, visto che le nubi a cui facciamo riferimento sono del tipo “Altocumuli”; difatti questi ammassi nuvolosi si formano quando una grande massa di aria calda ed umida viene sollevata dal suolo verso l’alto (fino a quote di circa 3-5 km) all’approssimarsi di un fronte freddo piuttosto attivo. Sappiamo inoltre che le precipitazioni legate ad un fronte freddo sono in prevalenza individuabili in acquazzoni o temporali, con poche schiarite e rinforzi del vento; ecco quindi spiegato il motivo dell’esistenza del proverbio. Ma a cosa è dovuta l’estrema regolarità nella forma e nella grandezza delle singole “pedine” della scacchiera? E’ un ragionamento un po’ complesso, ma per chiarire bene le idee ci affidiamo ad un esempio pratico: immaginiamo che il fronte freddo arrivi da ovest (rispetto al nostro punto di osservazione); la conseguenza più evidente riguarderà il vento in quota, che spirerà mediamente da sud verso nord. Se la corrente in quota è piuttosto tesa, e si trova a dover superare un ostacolo (una collina, una montagna, un massiccio o addirittura semplicemente una corrente che spira in senso contrario) sarà costretta a salire verso l'alto, provocando la condensazione del vapore acqueo al suo interno e formando una striscia nuvolosa; sul versante sottovento del rilievo la massa d’aria tornerà a scendere dissolvendo la nube. Questo movimento ondulatorio si ripeterà diverse volte, dando vita a lunghe strisce nuvolose parallele fra di loro, disposte nella direttrice da ovest ad est; se però lungo il fronte freddo si sono generati temporali molto intensi, il movimento di salita e rapida discesa dell’aria che si sarà sicuramente verificato all’interno dei cumulonembi, si propagherà verso est, generando una sorta di disturbo anche in corrispondenza delle nubi prima descritte (le strisce nuvolose), e provocando in pratica il loro dissolvimento in alcuni punti equidistanti fra di loro (dando quindi vita alla “scacchiera”). In definitiva quando vedete il cielo “a pecorelle” e sapete che è in arrivo una perturbazione, siete anche in grado di dire che: 1) Le nubi temporalesche lungo il fronte sono piuttosto intense (o lo sono state poche ore prima) e molto numerose. 2) Il vento in quota è teso. 3) Entro 12-24 ore con buona probabilità il tempo tenderà a peggiorare anche in prossimità del vostro punto di osservazione.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 20.23: A1 Milano-Bologna

coda rallentamento

Code causa traffico intenso nel tratto compreso tra Allacciamento A22 Modena-Brennero (Km. 155,3) e..…

h 20.23: A90-GRA Salaria-Casilina

coda rallentamento

Code a tratti, traffico intenso nel tratto compreso tra 3,443 km dopo Svincolo Della Bufalotta e 35..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum