Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

“Diavoletti di polvere”

Cerchiamo di capire cosa sono e come si formano visto che potremmo avere l’occasione di osservarli.

MeteoLive school - 7 Settembre 2003, ore 21.34

Siamo in una bellissima giornata di inizio giugno; la temperatura è alta e si sta bene in costume; le spiagge di conseguenza si riempiono di ragazzi che ne approfittano per prendere la prima tintarella e cominciare ad allenarsi per le partite di pallone sulla sabbia. Non c’è un filo di vento, e verso mezzogiorno il sole si fa implacabile; meglio approfittarne per fare un bagno, anche se l’acqua è ancora piuttosto fredda; oppure rifugiarsi sotto gli ombrelloni, che sono già stati piantati negli stabilimenti privati in vista della stagione estiva. Nel silenzio e nella tranquillità di questo scenario irrompono improvvisamente delle grida da lontano, delle urla più di stupore che di spavento; allora, alzando gli occhi, si vedono degli ombrelloni sollevarsi da terra e volteggiare a pochi metri dal suolo roteando velocemente in aria. Presi dal timore di essere colpiti corriamo verso la strada, in direzione opposta a quella dove si trova il mare, ma voltandoci a guardare dietro vediamo che non c’è più nulla da temere; gli ombrelloni sono tornati velocemente in terra, seppur leggermente rovinati e a diversi metri dalla loro posizione iniziale. Cos’è successo? Si è verificato uno di quei fenomeni che comunemente vengono chiamati “diavoletti di polvere”; sono delle vere e proprie trombe d’aria in miniatura, ridotte come potenza, ma in grado comunque di sollevare oggetti di un certo peso. Non è così difficile osservare questo fenomeno su una qualsiasi spiaggia sabbiosa dei nostri litorali e il motivo è abbastanza semplice da spiegare: quando in primavera o all’inizio dell’estate il sole arroventa la sabbia, viene gradualmente riscaldato lo strato di aria subito a contatto con il terreno fino a temperature veramente notevoli. L’aria sovrastante però non è ancora così calda come in estate piena, quindi si crea una situazione di “equilibrio instabile”, perché l’aria è sempre più densa (e quindi più pesante, a parità di volume) quanto più è fredda e quindi l’aria riscaldata dalla sabbia deve essere forzatamente sollevata per tornare in una situazione più stabile possibile. Se la giornata è ventilata il rimescolamento è immediato; altrimenti occorre un altro espediente per trasportare l’aria calda verso l’alto: il semplice sollevamento non riesce a dissipare notevole energia, dato che il contrasto termico è limitato a pochi metri in verticale. Quindi la soluzione più “economica” e veloce è il compimento di un moto rotatorio verso l’alto che copra gradualmente tutta la superficie dove il contrasto di temperatura è acceso; tale moto è favorito anche dalla forza di attrito fra i vari strati d'aria. Fino a che c’è il contrasto fra le varie masse d'aria il “diavoletto” sopravvive; successivamente in poche decine di secondi tende a indebolirsi e a dissolversi, facendo tornare tutto più tranquillo e con una temperatura dell’aria magari leggermente meno alta ma ben distribuita. Non c’è da avere eccessivo timore comunque; perché si tratta di fenomeni fortunatamente limitati e di breve durata, che possono accompagnare soprattutto le giornate più calde della tarda primavera (più raramente quelle estive). Quindi andate al mare tranquilli, perché la probabilità di incontrare fenomeni del genere è piuttosto bassa.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 17.47: A14 Diramazione Per Ravenna

coda rallentamento

Code a tratti causa traffico intenso nel tratto compreso tra Ravenna e Allacciamento A14 Bologna-Ta..…

h 17.44: SS1 Via Aurelia

incidente rallentamento

Traffico rallentato causa incidente a Incrocio Garavicchio (Km. 122,1) lo. pescia romana direzione..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum