Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ponte del 25 aprile soleggiato al mattino, instabile nelle ore pomeridiane

La festività del 25 aprile potrebbe trascorrere a metà strada tra sole ed instabilità. Il tempo atmosferico potrebbe essere caratterizzato da una netta prevalenza delle schiarite durante la mattinata, seguite a ruota da alcuni episodi temporaleschi ad evoluzione diurna durante il pomeriggio. Ecco i dettagli.

MeteoLive Zoom - 18 Aprile 2013, ore 11.20

La figura di bassa pressione che nel fine settimana interesserà direttamente tutto lo stivale, lascerà in eredita "strascichi" di instabilità che potrebbero condizionare le sorti del tempo sino al ponte del 25 aprile. Con l'arrivo di lunedì 22 un provvidenziale aumento della pressione e del geopotenziale si farà strada partendo dai settori occidentali e settentrionali europei. Dopo la raffreddata di questi giorni, il tempo tornerà ad essere più tiepido e stabile partendo proprio dalla Mitteleurope.

Il Mediterraneo dovrà invece ancora fare i conti con una circolazione di bassa pressione ormai morente, ma in grado comunque di garantire l'innesco di alcuni episodi instabili durante le ore pomeridiane a partire dai nostri rilievi appenninici.

Si tratterà di un comportamento del tempo tipicamente primaverile, l'elevato irraggiamento solare della terza decade d'aprile favorirà l'ascesa delle prime masse d'aria caldo umida che stazionando al suolo, troveranno condizioni ideali per risalire verso l'alto, sviluppando cumulonembi e temporali.

Questo processo sarà agevolato oltre che dall'elevato irraggiamento solare, anche dalla presenza della depressione ormai invecchiata, ancora alla deriva sulle coste italiane. La presenza (seppur minima) di aria ancora fresca alle quote superiori, garantirà un profilo atmosferico adatto allo sviluppo dei temporali.

Questi temporali prediligeranno le ore centrali del giorno quando il surriscaldamento del suolo raggiungerà il picco massimo, accentuando i moti convettivi ed i processi instabili.

Al momento i settori che potrebbero risultare maggiormente esposti a questo tipo di instabilità saranno quelli settentrionali e centrali italiani. La circolazione ciclonica ormai morente potrebbe collocarsi tra Corsica e Sardegna, influenzando direttamente il tempo dei settori sopraccitati.

Come anticipato i fenomeni sarebbero ad evoluzione tipicamente diurna; mattinate soleggiate o parzialmente nuvolose farebbero seguito pomeriggi dove il colpo di tuono (proveniente dal vicino Appennino) sarebbe sempre dietro l'angolo. La ventilazione nord-orientale presente alle quote superiori potrebbe in seguito far sconfinare questi temporali lungo le coste dei versanti tirrenici con particolare riferimento a Liguria, Toscana, Lazio. Fenomeni di instabilità sparsa anche nelle zone interne della Sardegna.

Al momento si tratta solo di una linea di tendenza che sarà da confermare nel corso dei prossimi aggiornamenti.

 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum