Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il Passaggio perturbato di mercoledì 10: conferme dai modelli, anticiclone posticipato

Ancora conferme da parte dei modelli di previsione per quanto riguarda l'arrivo di un passaggio frontale mercoledì 10 aprile, questa volta in chiave spiccatamente primaverile. Appare posticipato l'arrivo dell'anticiclone sulla nostra penisola.

MeteoLive Zoom - 3 Aprile 2013, ore 15.00

Un primavera perturbata e frenetica che non accenna a placare la sua dinamicità. Per quanto riguarda la prima metà di aprile, appaiono ancora lontani dalla scena anticicloni ed alte pressioni in grado di imporre la propria voce sul Mediterraneo. Anche qualora degli aumenti di geopotenziale faranno capolino sui nostri mari, questi ultimi avranno carattere temporaneo, con una durata limitata nel tempo.

Nella giornata di ieri, martedì 3 aprile, alcune previsioni particolarmente "positive" in tal senso, avevano aperto uno spiraglio maggiormente possibilista, con una fase anticiclonica più duratura che avrebbe potuto fare breccia sul nostro Paese portando un periodo di stabilità. Tuttavia è troppo forte l'anomalia termica e barica che si è creata sul nostro continente dopo continue giornate di impulsi freddi artici e perturbazioni atlantiche. Il freddo e l'instabilità abbandonerà il Mediterraneo molto lentamente e con difficoltà.

Il graduale ritiro dell'anticiclone polare, principale responsabile della fase instabile e sottomedia che abbiamo vissuto sinora, consentirà un graduale fisiologico rialzo del flusso perturbato atlantico. In tal senso le prime veloci sfiammate africane diverranno sempre più frequenti sull'Italia del mezzogiorno, mentre fronti perturbati in chiave "primaverile" potrebbero ben presto divenire protagonisti del tempo sull'Italia centrale e soprattutto settentrionale, con i primi temporali di stagione.

Parlando di fronti "primaverili" intendiamo quei sistemi di bassa pressione caratterizzati da avere un minimo ciclonico posto a nord dell'arco alpino, oppure sul territorio francese. Questo tipo di depressioni differiscono parecchio da quelle che hanno interessato il nostro Paese sinora. Le depressioni delle ultime settimane erano spostate più a sud di latitudine con dei minimi di bassa pressione al livello del suolo, centrati sul Mediterraneo.

Tutto questo ha favorito un tipo di tempo che, segnatamente sulle regioni settentrionali ha mantenuto molte delle caratteristiche invernali. Su queste regioni i venti meridionali al livello del suolo hanno recitato un ruolo del tutto marginale mentre sono stati assai più presenti sul centro e nel meridione. Le precipitazioni sono state diffuse a diversi settori del territorio con l'Italia meridionale anch'essa alle prese con frequenti piogge.

Volendo a tutti i costi trovare un segnale di primavera nella circolazione prevista i prossimi 10 giorni, possiamo segnalare il sopraccitato innalzamento del flusso zonale atlantico. In questa categoria rientrerà anche il primo passaggio perturbato, caratterizzato dall'essere governato da un minimo di bassa pressione posto sulla Francia. Potrebbe trattarsi del primo passaggio perturbato definibile come primaverile al 100%. Con tutta probabilità questo passaggio perturbato investirà il nostro Paese mercoledì 10, preannunciato da una vivace ventilazione meridionale che questa volta farà capolino anche sulle regioni settentrionali.

La lunga distanza che ci separa dall'evento, impone ancora una certa cautela. Secondo il modello americano GFS l'affondo appare meno incisivo, dando credito a quanto prevede il modello inglese ECMWF si tratterebbe di un passaggio perturbato intenso e vigoroso che distribuirebbe molta pioggia soprattutto al settentrione.

Approfondimenti su: http://meteolive.leonardo.it/news/In-primo-piano/2/Meta-aprile-alta-pressione-in-rispolvero-/41018/ di Luca Angelini.

Seguite gli aggiornamenti.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum