Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Confronto tra modelli: INVERNO entro metà gennaio si o no?

L'inverno in Europa finalmente alle porte? Il modello inglese ci crede, quello americano rimane ancora titubante. Vediamo nel dettaglio cosa potrebbe accadere.

MeteoLive Zoom - 6 Gennaio 2014, ore 14.00

Dopo un lungo periodo di stasi atmosferica, qualcosa pare finalmente muoversi nello scacchiere barico dell'Europa e del Mediterraneo. Le vorticità zonali portate da un attivo lobo canadese del Vortice Polare, andranno finalmente attenuandosi col passare dei giorni, l'intera circolazione atmosferica tenderà a subire una graduale modifica che potrebbe (forse) portare delle conseguenze davvero invernali anche per il nostro Paese entro la seconda metà di gennaio.

A tal proposito, il modello inglese ECMWF pare avere già le idee chiare su quelle che sarebbero le sorti del nostro inverno in questo mese di gennaio 2014. Il prestigioso centro di calcolo inglese, prevede infatti la formazione del caratteristico pattern di Scand+, caratterizzato dalla formazione di una zona anticiclonica autononoma, collocata in sede scandinava.

La formazione di questo anticiclone sarebbe in realtà determinato proprio dall'arricciamento in sede atlantica delle vorticità canadesi. Da questo settore si innescherebbe quindi una risalita di aria calda originata dalle sopraccitate depressioni che andrebbero a intrudere il Vortice Polare in sede nord-atlantica. Verrebbe così agevolata un'importante discesa d'aria fredda, dapprima sul comparto scandinavo, poi anche sulla Russia.

La differenza sostanziale tra il modello americano e quello inglese, risiede nell'efficacia con la quale il richiamo tiepido riuscirebbe a spingersi sino al cuore della regione polare.

Il modello inglese prevede un flusso assai intenso, il modello americano solo un debole e temporaneo flusso di calore. Lo stesso verrebbe sopraffatto da una nuova accentuazione delle vorticità canadesi che andrebbero così "fondendosi" a quelle sopraggiunte sulla Scandinavia e sulla Russia, determinando una nuova ricompattazione del Vortice Polare tra nord-atlantico e nord Europa.

Ancora impossibile stabilire quale delle due ipotesi risulterà vincente. Meteolive ritiene comunque probabile l'avvio di una nuova fase atmosferica caratterizzata quantomeno da un graduale indebolimento del getto zonale in direzione dell'Europa. Se questo processo sarà poi in grado o meno di avviare una fase invernale sull'Europa centrale e sull'Italia, sarà possibile stabilirlo solo più avanti.

Seguite gli aggiornamenti.

 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum