Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il Bollettino della Montagna per il week-end

Vi presentiamo nel dettaglio le previsioni per Alpi e Appennini valide per il prossimo fine settimana.

Meteo-montagna - 21 Gennaio 2005, ore 21.45

ALPI Il versante nord-alpino continua ad essere interessato da copiose nevicate susseguenti l'azione da sbarramento offerta dalle Alpi alla colata fredda proveniente dal Nord-Europa. Il versante padano è per conseguenza sottoposto a venti di caduta e ad un'improvvisa cavalcata delle temperature che si sono portate su valori primaverili dopo il gelo dei giorni scorsi. Nella giornata di sabato assisteremo ovunque al graduale indebolimento di questo tipo di circolazione, con una marcata diminuzione termica che riguarderà tutti i versanti meridionali della catena alpina e con fenomeni in via di esaurimento sui versanti esteri. Domenica il cambio di circolazione offerto da una depressione instaurantesi sul Mar Ligure provocherà qualche disturbo sui settori Ligure e Marittimo, per il resto il tempo si manterrà stabile e per lunghi tratti soleggiato, anche se nel contesto di una generale flessione termica. ALPI OCCIDENTALI. A parte qualche disturbo nella giornata di domenica sui settori Ligure e Marittimo, limitato oltretutto ad annuvolamenti irregolari e a qualche fiocco sparso, sui versanti padani avremo tempo stabile e soleggiato, assai ventoso sui crinali, dove saranno possibili addensamenti nuvolosi, specie sulle Alpi Graie. Sul Gruppo del Bianco e sull'Alta Valle d'Aosta tempo instabile, a tratti perturbato, con bufere di neve in esaurimento nel corso della giornata di domenica. Venti ovunque forti nord-occidentali, in graduale attenuazione nella giornata di domenica; raffiche anche molto forti sui crinali durante il mattino di sabato. Temperature in progressivo calo. ALPI CENTRALI. Graduale attenuazione della corrente settentrionale durante il pomeriggio di sabato, con conseguente indebolimento dei venti di caduta sui versanti meridionali e dei fenomeni nevosi su quelli settentrionali. A seguire (domenica) passaggio di corpi nuvolosi piuttosto disorganizzati e tempo nel complesso variabile ed asciutto, caratterizzato dalla sensibile diminuzione delle temperature. ALPI ORIENTALI. Alla testata delle valli altoatesine e sui crinali di confine tempo insidioso con annuvolamenti irregolari e rischio di improvvise bufere di neve. Altrove tempo soleggiato, al più velato, caratterizzato dalla discesa delle temperature a da una progressiva attenuazione della ventilazione settentrionale. APPENNINI Sabato giornata ancora di attesa, fatta salva la persistenza di condizioni di instabilità sul settore meridionale. Domenica un fronte apripista coinvolgerà progressivamente l'intera catena, portando neve dall'Emilia Romagna alla Sicilia, con quota-neve in costante calo per via della concomitante discesa delle temperature. APPENNINO SETTENTRIONALE. Sabato tempo stabile e per lunghi tratti soleggiato; dalla serata aumento della nuvolosità. Domenica tempo inizialmente perturbato, con precipitazioni sul settore Tosco-Emiliano, in attenuazione nel corso della giornata. Quota-neve inizialmente sui 1000 metri, ma in rapida discesa fino a raggiungere quote collinari (400-500 metri). Venti deboli nord-orientali. APPENNINO CENTRALE. Sabato tempo soleggiato o al più velato. Dalle prime ore di domenica aumento della nuvolosità con fenomeni nevosi di moderata intensità su tutto il settore, in attenuazione a partire da nord a partire dalla tarda serata. Quota-neve in progresivo calo: da 1000 a 400 sul settore Umbro-Marchigiano, da 1000 a 700 su quello Abruzzese. Venti da deboli a moderati a circolazione ciclonica. Temperatura in progressivo calo. APPENNINO MERIDIONALE. Sabato ultime incertezze su Subappennino Dauno, Sirino, Pollino e Appennino Calabro, dove non si escludono fenomeni, nevosi oltre i 1500 metri per merito di un sensibile calo termico. Nella notte su domenica temporaneo miglioramento, ma a seguire nuovo peggioramento in progressione da nord verso sud. Coinvolto tutto il settore, specialmente il versante tirrenico dell'Appennino Calabro. Quota-neve variabile tra i 1000 metri del settore Sannita ai 1500 di quello Calabro. Venti deboli al sabato, forti a circolazione ciclonica nella giornata di domenica.

Autore : Emanuele Latini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum