Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il bollettino della Montagna per il week-end: sorprese bianche da domenica sera?

Sabato nel complesso tranquillo, domenica ritorno della neve in Appennino. Venti forti a fasi alterne ovunque con associate oscillazioni termiche.

Meteo-montagna - 16 Dicembre 2004, ore 12.13

ALPI Sul settore alpino la corrente prettamente nord-occidentale delle correnti favorirà copiose nevicate sui versanti esteri del settore occidentale, in particolar modo sulla Francia. Previsto oltre mezzo metro di acculo in zona Chamonix-Val d'Isère-Morzine. Sull'Italia avremo invece tempo asciutto e generalmente soleggiato al SABATO, con nevicate associate a colpi di vento limitate alla testata delle valli più settentrionali, ai crinali di confine e alla dorsale spartiacque. Sestrière, Monginevro, Moncenisio, Piccolo San Bernardo e Sempione i valichi a rischio-tormenta, con i venti che potranno soffiare con raffiche molto forti. Alla DOMENICA non ci sarà nessun grosso cambiamento, a parte la marcata attenuazione del vento, che si disporrà oltretutto dai quadranti orientali. Semmai, ci potrà essere occasione per qualche spolverata di neve al di sopra dei 500-600 metri sul versante padano delle Alpi Marittime e Liguri, nonché su Dolomiti e Tarvisiano, in seno alla rotazione a nord-est delle correnti; ma si tratterà per lo più di fenomeni sporadici o di scarsa entità. Sarà importante però il calo termico, che si concretizzerà nella notte su lunedi, capace di portare estese gelate anche a quote prossime alla pianura. APPENNINO Situazione più complessa per l'Appennino, prima parzialmente interessato dallo scorrimento di veloci corpi nuvolosi con direttrice nord-ovest/sud-est (sabato); poi raggiunto da un vortice, anch'esso in rapido spostamente verso levante, capace però di risucchiare prima aria calda e poi aria fredda, e di garantire il ritorno della neve alle quote medie, specie sul settore centro-settentrionale. SABATO assisteremo al veloce ransito di sfrangiati corpi nuvolosi che, specie sul versante tirrenico, saranno in grado di provocare annuvolamenti irregolari con basso rischio di precipitazioni, più probabili su Toscana ed Umbria al mattino e un po' su tutto il Meridione al pomeriggio/sera, per lo più a carattere di piovasco, con spruzzate di neve al di sopra dei 1400-1600 metri. Diciamo subito che la cosa importante da rimarcare in questa fase sarà la diminuzione delle temperature, unita al dispiegamento di forti venti nord-occidentali. DOMENICA il richiamo temporaneo di aria calda e l'instaurarsi di una situazione depressionaria comporterà l'incremento delle precipitazioni, che saranno più abbondanti rispetto al giorno precedente e che interesseranno un po' tutto il versante tirrenico dell'Appennino, con neve relegata oltre i 1500-1700 metri procedendo dal settore Umbro Marchigiano verso sud. Sui settori emiliano e ligure, invece, l'esposizione al richiamo freddo da nord-est favorirà nevicate a quote più basse anche nella fase iniziale (1200 metri in repentino calo fino a 500). Ma nella notte su lunedi la neve guadagnerà ovunque altitudini più modeste, spingendosi fin verso i 600-700 metri sul settore centrale e fin sui 900-1000 del settore meridionale. I venti di libeccio risulteranno inizialmente forti sui versanti esposti dell'Appennino Meridionale. IMPORTANTE. Stante la grande dinamicità della situazione atmosferica, sarà bene aggiornare tale previsione nella giornata di domani.

Autore : Emanuele Latini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum