Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Bambini: è vero che quando cambia il tempo si ammalano?

La scuola sta finendo e i bambini dovrebbero ammalarsi di meno, invece qualche raffreddore è sempre in agguato, come mai?

Meteo-bimbi - 26 Maggio 2014, ore 09.00

Che bello! La scuola sta finendo e le malattie dei bambini con il caldo dovrebbero diminuire. In realtà il bambino sta meglio grazie all'aria più secca, che non favorisce un trasporto di virus e batteri così forte come quando c'è molta umidità nell'aria.

Anche nella bella stagione però quando il tempo cambia e arrivano un paio di giorni con temporali e temperature in brusco calo
si abbassano le difese immunitarie dei bambini. E' proprio in giornate come queste che diventa importante una corretta igiene delle mani. 

Inoltre a rendere il bambino più vulnerabile può contribuire la stanchezza accumulata, specie se all'attività scolastica si affianca quella sportiva, magari quando il fanciullo è ancora troppo piccolo per sostenere il doppio sforzo.

La malattia più comune che si contrae comunque a scuola è il raffreddore. In media durante l'anno un bambino ne sperimenta almeno 4-5 e solo i più fortunati e resistentiscendono sotto tale numero.  

Se i bambini però si lavassero costantemente le mani prima di consumare i pasti o la merenda l'incidenza delle affezioni alle prime vie respiratorie (complicate eventualmente da otiti e bronchiti) diminuerebbero almeno del 30%.

Bambini a casa ammalati significa anche genitori lontani dal posto di lavoro (doppiamente stanchi oltretutto) e un calo indiretto della produttività aziendale.
 
Per le complicazioni di un raffreddore, per una faringite o una tonsillite il bambino può arrivare anche a perdere una settimana intera di scuola. Se tali patologie si ripetono più volte durante l'anno si arriverà a perdere anche un mese di scuola. Ugualmente controproducente mandare il bambino a scuola quando non si è ancora completamente ripreso, dopo magari avergli somministrato una supposta di ibuprofene antifebbrile. In questo modo l'infezione potrebbe ulteriormente diffondersi a scuola contagiando altri bambini.

E' comprensibile che i genitori siano attenti a non perdere il posto di lavoro in tempi di crisi gravissima come questi, ma è altrettanto onesto e corretto non "appestare" i figli degli altri. 

E' poi norma di buona educazione insegnare ai propri figli in modo deciso e ripetuto a proteggersi con un fazzoletto in caso di colpi di tosse o starnuti, oltre che mantenere una certa distanza dai compagni di classe quando tossiscono, starnutiscono o accusano malesseri.

In estate i problemi diventano i condizionatori, con i supermercati ed i centri commerciali che si sostituiscono brillantemente alla scuola come sede di germi, microbi, batteri e virus. Portateceli il meno possibile e soprattutto NON mezzi nudi e sudati!


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum