Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Lettera aperta al Colonnello Giuliacci: il clima ha "l'influenza"

Il nostro meteorilevatore Stefano Menada affronta con originalità i temi ambientali immaginando di indirizzare questo articolo al cortese Colonnello Mario Giuliacci

Le vostre lettere - 12 Dicembre 2000, ore 10.20

Carissimo Colonnello Giuliacci, le teorie sull'influenza dei cicli lunari, solari e dell'attività cosmica diretta ed indiretta sono ormai datate e sposano i teoremi della "alternanza o ciclicità vitale". E' acquisito, ad esempio, che l'alternarsi delle maree ha concesso alla vita uno sviluppo tale che senza di esse il mondo attuale sarebbe ancora abitato quasi esclusivamente da pesci. L'alternarsi dell'inclinazione dell'asse terrestre (con i grandi cambiamenti climatici) ha favorito il processo evolutivo ed il perfezionarsi di molte specie animali. Eccetera. La ciclicità è uno dei fondamentali articoli della legge che regola la vita su questo pianeta. La terra infatti, ormai accettata dalla comunità scentifica come un singolo "essere vivente", ha tutti i meccanismi necessari al mantenimento ed al miglioramento delle proprie capacità vitali Dunque in teoria, ammettendo che la terra sia un Organismo Vivente, credo che sarebbero da attendersi cicli meteorologici della durata e dagli effetti forse a noi umani non facilmente spiegabili, ma da ritenersi "programmati", dunque positivi sull'ecosistema globale. In questo caso dovremo solo aspettare che la ruota ciclica compia il proprio "giro" per riacquistare le temperature e le piovosità che riteniamo di aver perso. Dovremo sentirci in qualche modo "protetti" dal superorganismo che fa e disfa solo ed esclusivamente per mantenere la globale biodiversità e le sue ideali condizioni di vita. Anzi, su questo ci sono pochi dubbi: il Pianeta Terra, in quanto superorganismo vivente, ha armi e mezzi di autodifesa sufficienti a garantire la propria vita forse fino a quando la terra verrà inglobata dal sole medesimo. A che punto siamo nell'aver compreso i meccanismi che regolano i cicli pluriennali meteorologici ? Siamo forse in grado di affermarlo ? E' nota la forte differenza tra quanto è a conoscenza dell'apparato scientifico, tecnologico ed economico, e quanto viene passato ai cittadini. Accade in tutti i campi dell'umana conoscenza, figuriamoci se non accade in meteorologia. Le previsioni del tempo influenzano enormemente i meccanismi economici planetari. Ad esempio, la piovosità prevista nelle grandi zone di produzione di cereali negli Stati Uniti influenza i prezzi con i quali i grandi quantitativi in compravendita vengono trattati. Basta un dato inesatto ed intere fortune vengono create o distrutte. E non solo negli Stati Uniti, ma nel mondo intero. E' nota l'importanza dell'acqua potabile nella vicenda arabo-israeliana. Un anno di mancato monsone in India ha ridotto sul lastrico molti milioni di contadini, mentre le ricchezze hanno interessato altri che godevano della situazione opposta. Non mi sorprenderebbe dunque che forse l'aver individuato precisi cicli pluriennali che modificano sensibilmente il clima continentale permettesse già la stima delle previsioni macroclimatiche nel periodo 5-15 anni. Ma, intendiamoci, la mia è fanta-politico-meteorologia. Ammesso e non concesso che si sia davvero riusciti in parte a decifrare meccanismi, come le fasi lunari, che determinano dei cicli meteo "di lunghezza umana", c'è però questo elemento nuovissimo, improvviso e forse non prevedibile che è la nostra specie ed il proprio impatto sull'organismo generale. Se, e ribadisco se la Terra è questo superorganismo vivente, è indubbio che nel caso l'uomo dovesse raggiungere una soglia di disturbo tale da mettere a repentaglio l'ecosistema generale, è intuibile che verrebbero attivati meccanismi di difesa, o riequilibrio, tali da salvaguardare il più possibile la vita in senso generale. Davvero come accade dentro di noi quando ci viene l'influenza. Il nostro organismo reagisce aumentando la propria temperatura, il che uccide o impedisce l'incontrollato sviluppo dei germi, indebolisce sì l'intero organismo, ma consente alle difese interne di combattere meglio il nemico ed eventualmente di sconfiggerlo. Come nel caso della febbre, noiosa, debilitante ma efficace, anche per il pianeta Terra i rimedi (o tentativi di riequilibrio) potrebbero essere brutali, come un uragano che colpisce la Francia o la siccità quasi totale che colpisce il sud Italia, o le malattie tropicali che si diffondono, il mare che ricopre le città costiere, il grano che non germoglia perché fa freddo o non piove, carestie diffuse, alluvioni devastanti, epidemie. Secondo quel poco che so, credo che noi si sia arrivati ad un buon livello di comprensione dei cicli pluriennali del clima planetario, e le conseguenze più macroscopiche che essi comportano, ma il nostro progresso di conoscenza è stato rimesso in discussione dall'elemento più imprevedibile, ovviamente noi stessi; imprevedibile perchè non rispondiamo a istinti più o meno catalogati, come il resto della popolazione vivente del pianeta, ma la nostra intelligenza ci porta a comportamenti singoli e di massa assolutamente atipici ed "irrazionali", come consumare più di quanto ci serve, sprecare risorse vitali, osservare una dissennata politica demografica, alterare l'ambiente circostante in modo incontrollato. Se tutto quanto sopra è vero, mi domando come pensiamo di capire i meccanismi che regolano gli eventi metereologici, se non siamo in grado di controllare l'elemento umano che è destinato a stravolgere gli stessi meccanismi, forse già da oggi e forse per sempre. Saluti cordiali

Autore : Stefano Menada

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum