Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La posta dei lettori: risolviamo gli ultimi dubbi su riscaldamenti stratosferici e ondate di gelo

Dubbi, curiosità, controsensi, voglia di imparare? Scrivete e la nostra Redazione risolverà i vostri quesiti.

Le vostre lettere - 31 Gennaio 2013, ore 09.24

Carissimo Luca Angelini, ho letto con interesse i tuoi articoli sui riscaldamenti stratosferici ma non capisco come possa il calore partire dalla troposfera. Per prima cosa, non capisco come questi riscaldamenti possano attingere a 60-70° di latitudine il calore sufficiente per innalzare in pochi la temperatura dai do oltre 60°C. Secondo punto: se il calore giunge dal basso, come mai i radiosondaggi non lo vedono e danno dal suolo sino ai 23-24 chilometri di quota temperature bassissime? Alfredo Negroni.

Risponde LUCA ANGELINI

Gentilissimo Alfredo domande più che lecite le tue. Tanto per iniziare i riscaldamenti proiettati verso la stratosfera polare in ambito invernale partono da onde planetarie troposferiche di tipo anticiclonico risonanti, di ampiezza e spessore sviluppati oltre un certo limite. Il limite è fissato anche matematicamente ed è noto come velocità critica di Rossby. Il flusso di calore che risale nell'onda anticiclonica (solitamente parte dall'anticiclone semi-permanente situato sulle isole Aleutine) è noto come "flusso di Eliassen e Palm", dal nome degli scopritori e deve convergere verso il Polo.

Laddove un'onda planetaria assuma queste caratteristiche tende a sfondare la tropopausa, limite oltre il quale le caratteristiche di stabilità e di densità dell'aria si modificano in modo sostanziale. Proprio a causa di queste modifiche, l'onda planetaria e il calore in essa contenuti aumentano notevolmente la propria ampiezza, quindi le loro caratteristiche. Ecco che il calore aumenta in modo esponenziale ed è quindi in grado di intaccare lo strato di ozono, abbondante il stratosfera, in modo diverso a seconda dell'annata e della conseguente relazione che lega la direzione dei venti stratosferici equatoriali (indice QBO) e la fase corrente dell'attività solare. La regola tuttavia è solo empirica e l'evento di quest'anno ne è una riprova.

Per concludere: il calore filtrato dalla troposfera si è così amplificato nella stratosfera e le reazioni cui vengono sottoposte le molecole di ozono provocano un ulteriore riscaldamento ma non è tutto. Una volta giunto alla sommità della stratosfera, ossia alla stratopausa (tetto che in taluni eventi può anche scendere di ben 20 chilometri rispetto alla situazione normale), il calore viene riflesso e tende a rientrare in troposfera.

Nel suo viaggio di ritorno la massa d'aria riscaldata viene intercettata dalla Corrente a Getto Polare, la quale la risucchia e la fa scendere forzatamente per una altro migliaio di metri, provocandone un ulteriore riscaldamento per compressione adiabatica. Ecco che il nostro anticiclone polare tocca terra (non sempre naturalmente) e scinde il blocco freddo originario del vortice polare troposferico mettendo in moto il noto meccanismo che inverte i centri di pressione dunque le correnti ad essi associate.

Per quanto riguarda i radiosondaggi occorre solo andare a pescare il luogo giusto dove il calore sta scorrendo verso l'alto. Solitamente questa zona la si trova al di sopra dell'anticiclone delle Aleutine nel caso della cosiddetta "wave1", o sull'Atlantico nel caso della "wave 2", ma è molto più agevole utilizzare apposite sezioni verticali dell'atmosfera che mettono bene in evidenza quanto calore stia salendo e dove. Nell'immagine è allegato il radiosondaggio del'area aleutinica, durante un episodio di stratwarming imminente: si nota chiaramente che la curva della temperatura, linea di destra, si innalza fortemente nella parte alta del grafico (ingresso in stratosfera) e raggiunge valori pari o addirittura superiori a quelli del suolo.


Autore : Redazione

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 19.41: A1 Firenze-Roma

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Arezzo (Km. 358,5) e Valdarno (Km. 335,8) in direzione Firenze..…

h 19.40: A1 Firenze-Roma

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Firenze Sud (Km. 300,9) e Incisa..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum