Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

HEIDILAND: un vero viaggio nel mondo di Heidi

Là dove la realtà supera l'immaginazione.

Le vostre lettere - 19 Gennaio 2018, ore 14.11

Nelle foto la baita del vecchio dell'Alpe sopra Maienfeld, sotto la stazione di Maienfeld e sopra il lago dove Heidi e Peter giungono d'estate con le capre.
Carissimo Alessio Grosso,
mentre le scrivo ascolto a ripetizione in sottofondo il brano musicale “Amicizia e malinconia”, tratto dal cartone animato Heidi e mi commuovo, mi creda!
 http://www.meteolive.it/news/Editoriali/8/ecco-la-neve-/71156/
Mi commuovo, perché, le sembrerà incredibile, ma questa è anche la mia canzone della neve, che, finché ci sono riuscito, ho cercato di tenere in serbo per non dimenticarla mai, anche quando, a distanza di anni, i ricordi svaniscono se non sono rinverditi dall’ascolto del disco, che non ho!

La prima cosa che ho fatto ieri sera, appena ho notato il suo articolo sul giornale, è stata quella di farlo leggere a mia moglie e fare ascoltare il brano che lei, più giovane di me, non ricorda… io, invece, sì e mi trasporta in quel mondo incantato che, nei miei sogni di bambino, Maienfeld è stato per me, un sogno fatto di un racconto di amicizia, della felicità della vita vissuta nel cantone dei Grigioni delle Alpi svizzere, là dove i ritmi del tempo che passa sono scanditi dall’incedere delle stagioni, dove ogni cosa, anche la più triste e malinconica, è vissuta con dignità e rispetto, perché lì tutto è più autentico e più vero.

Quel luogo che ho tanto sognato, da andarci nell’Estate del 2016, con il poetico percorso sul treno rosso del Bernina che da Tirano, attraverso il lago bianco e il lago nero sui 2350m di quota del passo del Bernina, porta fino a Saint Moritz e poi ancora più a Nord, fino a Coira.

Poi, l’arrivo nella storica stazione di Maienfeld (da dove nel cartone animato partiva il treno per Francoforte) e la poesia del villaggio di Rofels (dove Heidi, Petar e il nonno trascorrevano l’Inverno) raggiunto a piedi in un mattino d’Estate, sulle orme di un percorso, dove tutto è conservato o riprodotto per preservare l’atmosfera e l’ambiente di un tempo.

C’è anche la baita del nonno lì, anzi la sua riproduzione, per permettere a tutti i visitatori di poterla visitare all’interno del villaggio, senza dover affrontare il percorso lungo ed impervio che separa il villaggio dalla baita vera e propria, poi c’è la casa in cui visse Heidi da bambina ed il museo di Johanna Spyry, l’autrice del romanzo, da cui venne tratto il cartone animato.

L’emozione della visita di quei posti, per i quali, all’età di 7 anni, in me era scoppiata la passione per la Meteorologia e l’amore per la neve erano troppo forti per permettermi di tornare a Maienfeld senza affrontare l’ultimo sforzo! Tornare giù in paese al punto in cui ero equivaleva ad andare in missione sulla Luna senza metterci piede e allora via con l’ultimo sforzo: affrontare l’impervio ed interminabile sentiero verso la baita del nonno di Heidi, passando dai 600m s.l.m. di Rofels ai 1100m dell’arrivo all’alpeggio.

Nel percorso che decido di intraprendere nessuno mi segue, salgo da solo e i cartelli indicano un cammino di 1h e 30min in solitaria, di 2h in presenza di bambini. Percorro i vari tornanti, dai quali si aprono scorci di uno scenario mozzafiato, dal Liechtenstein alla valle che scende verso Maienfeld e Landquart, fino a Bad Ragaz e Coira, con le varie soste che riproducono scene tratte dalla vita di Heidi e della sua amica Clara, compreso il punto dal quale la sua sedia a rotelle cadde nel precipizio; c’è anche una deviazione con una indicazione in Tedesco che in un primo momento non comprendo, ma che poi capisco dal contesto: è la casa della nonna cieca di Petar e della zia Brigida.

Dopo meno di 1h e 15 min di salita da Rofels inizio ad intravederla: lì tutto è come era stato disegnato nel cartone animato, la geometria dei monti, l’immenso prato che la circonda, mancano solo gli abeti secolari alle sue spalle, sostituiti da altri molto più giovani. E’ una emozione indescrivibile, la felicità allo stato puro, lì è solo la natura che governa dall’alto dei suoi monti, quasi ignara di tutto ciò che accade ai suoi piedi, “inconsapevole” del frastuono e dei veleni delle nostre città e dei nostri continui e spesso inutili affanni. E’ tutto come si vede nelle raffigurazioni del romanzo, anzi, la realtà supera anche l’immaginazione e mi regala un sogno, quel sogno da me vissuto sin da bambino e tenuto in serbo da quel “fanciullino” che, come insegnava Giovanni Pascoli, alberga in noi sin dalla nostra nascita e non ci lascia mai, anche quando le faccende di tutti i giorni lo seppelliscono sotto cumuli di pensieri e preoccupazioni e lo fanno apparire stupido e banale al confronto!

Lì tutto è come una volta, il tempo meteorologico segue le regole d’un tempo, quelle leggi che noi uomini abbiamo in parte alterato. Non mi riferisco all’influenza antropica sul clima globale, per la quale mi sono già espresso in passato in numerosi articoli su Meteolive, quanto al microclima delle nostre città, alterato dalle isole di calore che alterano e non di poco il ciclo diurno delle temperature e di tutti i fattori meteorologici ad essa connessi. Restano le campagne distanti dalle città, le sole a conservare memoria di un passato meteorologico che nelle grandi città non si vive più.


Autore : Pier Paolo Talamo

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 01.37: A56 Tangenziale Di Napoli

rallentamento

Veicoli lenti nel tratto compreso tra Secondigliano-Raccordo Capodichino (Km. 20,5) e Strada Statal..…

h 01.31: TG-BO Tangenziale Di Bologna

rallentamento

Veicoli lenti nel tratto compreso tra Svincolo 5 Bologna Quartiere Lame (Km. 12,5) e Svincolo Via T..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum