Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Week-end gelido, poi tempo variabile ma più mite

Da lunedì prevarranno correnti occidentali che piloteranno veloci perturbazioni da ovest verso est sull'Europa centrale. L'italia ne sarà interessata solo marginalmente. Attesi invece copiosi apporti nevosi sulla Savoia.

La sfera di cristallo - 29 Gennaio 2003, ore 15.01

La fase di maltempo legata alla depressione "Orione" si concluderà nella giornata di domenica. I fenomeni più importanti si registreranno con ogni probabilità al centro-sud, secondo le modalità già descritte nelle rubriche previsionali. Al nord saranno Emilia-Romagna e basso Piemonte le zone in cui potrà fare la sua comparsa con maggiore facilità la neve. Altrove i fiocchi giocheranno a fare i "preziosi". Da segnalare al centro la possibilità di neve lungo le coste e per qualche ora forse anche nella Capitale, specie nella notte su sabato. Dopo le 72 ore di passione che ci attendono tra venerdì e domenica, da lunedì torneremo gradualmente a sperimentare il respiro più mite dell'Atlantico che porterà con sè una generale variabilità ma con precipitazioni di debole entità, prevalentemente relegate al versante tirrenico. Oltretutto, salvo qualche limitata eccezione, non sarà più la neve a fare da protagonista ma la pioggia. Per ritrovare le nevicate, anche abbondanti, bisognerà dirigersi verso la Savoia, in Francia, dove l'impatto delle correnti da ovest contro le Alpi darà luogo ad intense precipitazioni. Tra lunedì 3 e martedì 4 comunque la nuova perturbazione in arrivo si spezzerà in due tronconi proprio all'altezza delle Alpi occidentali e qualche precipitazioni si dirigerà verso le regioni centrali tirreniche. All'inizio qualche fiocco potrà cadere sin verso i 500 m sulla Toscana ma con limite in rialzo oltre i 1000 con il passare delle ore. Da mercoledì 5 proseguirà la fase di variabilità con annuvolamenti che risulteranno più intensi lungo le Alpi, schiarite in Valpadana e sulle regioni adriatiche, annuvolamenti e qualche goccia di pioggia lungo il versante tirrenico. Mercoledì sera aria temporaneamente più fredda potrebbe affluire da nord ma senza provocare grosse conseguenze. Insomma ecco accontentato chi odia il freddo e scontentati tutti coloro che sulle Alpi aspettavano copiose nevicate e non modeste spruzzatine per affrontare meglio il periodo di Carnevale. E' davvero sconsolante vedere sulle zone alpine meno famose skilift abbandonati da anni a quota 1000 per assoluta mancanza di neve e di mezzi per porvi rimedio. All'abbandono della montagna ha contribuito anche questo particolare niente affatto trascurabile. In ogni caso almeno l'Appennino potrà gioire. Come abbiamo scritto stamane sono previsti accumuli anche superiori ai 30 cm in diverse località.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 18.02: SS51 Di Alemagna

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Incrocio Perarolo Di Cadore (Km...…

h 18.00: A1 Roma-Napoli

incidente

Incidente nel tratto compreso tra San Vittore (Km. 678,6) e Cassino (Km. 669,6) in direzione Roma..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum