Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Week-end da brivido poi si andrà verso un generale miglioramento

Fino a sabato nevicate importanti al centro e sull'Emilia-Romagna, a quote molto basse al sud, più sporadiche sul resto del nord. Da domenica tendenza a lento miglioramento, in seguito variabile con frequenti momenti soleggiati e clima meno freddo.

La sfera di cristallo - 10 Febbraio 2012, ore 15.40

 E' ancora il sinistro sibilo del vento siberiano il protagonista assoluto della scena europea e italiana in questo scorcio di febbraio. Un mese che è stato contrassegnato nella prima decade da una delle più severe e prolungate ondate di gelo degli ultimi decenni. Enorme risonanza mediatica ha avuto quest'evento, anche in virtù del progresso nelle telecomunicazioni che ha permesso di vivere in diretta, istante per istante, tutte le vicissitudini di un'Italia sempre poco incline a fronteggiare situazioni limite.

La neve continuerà a cadere per tutto il week-end su buona parte del centro, in Emilia Romagna e, a quote molto basse, anche su diverse regioni del sud, ma da domenica la perturbazione responsabile di questa furiosa scodata siberiana tenderà a disperdere le sue energie e a preparare la strada ad una lenta e incipiente convalescenza.

Frattanto grandi manovre andranno attuandosi sullo scacchiere euro-atlantico: il ponte di alta pressione teso tra l'Atlantico e la regione russo-siberiana tenderà a smantellarsi all'altezza della regione scandinava. I nuclei gelidi che in coda ai precedenti si preparavano a scorrere verso il Mediterraneo, verranno riassorbiti dalla circolazione polare e intorno a martedì 14 libereranno dalla loro incombenza il suolo europeo e anche l'Italia.

L'alta pressione, costretta a rivedere la sua posizione in Atlantico, tenterà una spallata verso l'Europa occidentale e in parte vi riuscirà, guadagnando terreno verso i Paesi occidentali, Italia compresa. La sua manovra verrà però poi frenata da un consistente nocciolo di aria artico-marittima che dal mare di Barents prenderà la via della Scandinavia per puntare il cuore del Continente, un'insidia che verrà però deviata dall'alta pressione che, intorno a giovedì 16, la costringerà a ripiegare sui Balcani.

Sull'Italia subentreranno dunque correnti da nord, senz'altro fredde ma di certo non più gelide. Il nord potrà sperimentare anche l'ebbrezza del Favonio, mentre qualche nevicata potrà tornare sui versanti nord-alpini e sul medio e basso versante adriatico ma ormai il peggio per questi ultimi settori sarà finalmente e definitivamente passato.

SINTESI PREVISIONALE FINO A VENERDI 17 FEBBRAIO 2011

SABATO 11 FEBBRAIO: maltempo su Emilia, Romagna, centro e Sardegna con nevicate diffuse, anche a quote pianeggianti sui settori peninsulari, prevalentemente in collina sull'Isola. Attesi accumuli notevoli soprattutto tra Romagna e Marche. Tempo compromesso anche su gran parte del sud, con la neve che imbiancherà la fascia collinare, spingendosi a tratti fino alle pianure in Campania e sul nord della Puglia. Al nord più asciutto ma con qualche breve nevicata possibile sulla bassa Padana e sul Triveneto. Venti gelidi e temperature ovunque diversi gradi al di sotto della norma stagionale.

DOMENICA 12 FEBBRAIO: condizioni di moderata instabilità su Emilia, Romagna, centro-sud e Isole ma con fenomeni in attenuazione, ancora abbastanza frequenti però su pedemontana emiliana, Romagna, Umbria e Marche, dove saranno nevosi fino al piano. Rasserena al nord. Nel corso della giornata, schiarite qua e là anche al centro. Sempre freddo ma con valori in lieve timido rialzo.

LUNEDI 13 FEBBRAIO: condizioni di generale variabilità con alternanza di schiarite e annuvolamenti, questi ultimi più compatti ed estesi al sud, dove saranno possibili brevi precipitazioni, a carattere nevoso ancora fin verso i 300-500 metri. Ancora molto freddo ma con valori in incipiente lieve addolcimento.

MARTEDI 14 FEBBRAIO: un po' di nubi lungo la cresta delle Alpi, versanti adriatici e Sicilia, ma con bassa probabilità di fenomeni. Altrove asciutto e almeno in parte soleggiato. Temperature in aumento ma ancora basse, soprattutto di notte e al primo mattino.

MERCOLEDI 15 FEBBRAIO: qualche anuvolamento di passaggio su Alpi, Triveneto e Toscana, ma senza conseguenze. Altrove per buona parte soleggiato. Freddo in attenuazione.

GIOVEDI 16 FEBBRAIO: nubi con qualche nevicata lungo le creste alpine confinali. Sul resto del Paese prevarrà il bel tempo e le temperature rientreranno entro le medie stagionali. Ancona un po' freddo però sulle Alpi e in Adriatico.

VENERDI 17 FEBBRAIO: giornata di tempo buono o discreto su tutte le regioni. Temperature intorno ai valori medi stagionali.

 


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 04.07: SS131 Carlo Felice

incidente rallentamento

Traffico rallentato, incidente a 5,712 km prima di Incrocio Variante Di Monastir (Km. 18,9) in di..…

h 03.45: A1 Milano-Bologna

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Modena Nord (Km. 157,6) e Modena Sud (Km. 170,8) in direzione B..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum