Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

VIRATA verso L'INVERNO sul finire di gennaio?

Sembra veramente di si, del resto sono diversi giorni che lo stiamo sostenendo su MeteoLive. Affondi atlantici sempre più diretti e colmi di aria fredda di estrazione artica marittima da lunedì 27 in poi. Prima, dalla serata di giovedì 16 a mercoledì 22, tanto maltempo con piogge autunnali in graduale estensione da domenica a tutto il territorio, neve sulle Alpi e sulle cime appenniniche.

La sfera di cristallo - 15 Gennaio 2014, ore 14.25

Ultimo doppio capitolo di MALTEMPO autunnale sul nostro Paese a partire dalla serata di giovedì 16 con la neve al nord a quote molto basse ma non in pianura, una pesante sciroccata al centro-sud con valori temporaneamente primaverili, la neve che sale di quota sulle Alpi e poi domenica i rovesci che sbarcheranno anche sul resto del Paese.

Debutto di settimana prossima con un'altra depressione in azione nel cuore del Mediterraneo centrale con piogge distrubuite un po' su tutto il Paese e limite della neve sui 1200-1300m in Appennino, appena un po' più in basso sulle Alpi, ma con fenomeni che andranno a localizzarsi al centro-sud.

La fase perturbata dovrebbe temporaneamente esaurirsi entro mercoledì 22, ma il Mediterraneo potrebbe facilmente restare "black hole", cioè buco nero, pronto a fare da ormeggio per nuove saccature in discesa dal nord Europa, appena il vortice polare mollerà nuovamente la presa, cioè entro lunedì 27, con finalmente un bel ricambio d'aria da nord e il freddo che si affaccerà moderato per la prima volta da novembre un po' su tutto lo Stivale.

Potrebbe essere l'inizio del tracollo del vortice polare con l'anticiclone delle Azzorre finalmente in allungo verso la Groenlandia e ulteriori affondi perturbati verso sud entro i primi di febbraio. In questo modo più ad est potrebbe davvero sedimentarsi un po' di freddo, pronto ad interagire con eventuali depressioni che prenderanno vita sul Mediterraneo.

La conferma del cambiamento di registro arriva per la prima volta dopo molti giorni "piatti" dalle corse cosiddette alternative del modello americano, che puntano tutte verso temperature sotto media in quota negli ultimissimi giorni di gennaio.

In pratica l'Atlantico, disturbato nel suo movimento verso levante dalla formazione dell'anticiclone russo-scandinavo, che da comparsa potrebbe diventare discreto protagonista, e spinto ad affondare verso sud dallo scivolo naturale che gli metterà a disposizione l'anticiclone azzorriano,  devierà verso di noi e saremo raggiunti da fronti in serie durante il passaggio dei quali si dovrebbe chiaramente avvertire netta la sensazione di graduale metamorfosi stagionale.

Entro i "giorni della Merla" insomma l'inverno potrebbe battere un colpo e dire: CI SONO.
Se vuoi seguire gli ultimissimi aggiornamenti dei modelli basta che ti sintonizzi sul nostro noto forum, dove si discute animatamente sul futuro con analisi tecniche avvincenti (per appassionati ed esperti)http://meteolive.leonardo.it/meteoforum/modelli-live-gennaio-2014-analisi-tecniche-senza-lamenti-t40983-1860.html


SINTESI PREVISIONALE SINO A MERCOLEDI 22 GENNAIO:
giovedì 16
: nuvolaglia al nord e sulla Toscana, prime precipitazioni ad ovest dal pomeriggio con limite della neve sui 200-400m sul Piemonte, 400m sulla Lombardia ma con neve sin nei fondovalle alpini. Tempo più clemente altrove. In serata precipitazioni su gran parte del nord e su nord Toscana, estensione delle nevicate ai restanti settori alpini con limite ancora attorno ai 300-400m. 

venerdì 17: maltempo al nord in localizzazione sul nord-est con limite della neve tra i 400m e gli 800m, localmente ancora nei fondovalle alpini. Temporanea attenuazione sul nord-ovest e sulla Toscana, parzialmente nuvoloso altrove con venti di Scirocco e clima mite per la stagione.

sabato 18: nuovo maltempo in arrivo al nord con piogge e rovesci, limite della neve questa volta oltre i 1000m nelle Alpi e anche a quote superiori nelle Prealpi. Al centro nuvolosità irregolare con locali rovesci in Toscana, ma per il resto asciutto e ancora schiarite, al sud un po' di nuvole sui versanti jonici esposti ai venti di Scirocco, per il resto poco nuvoloso o velato con clima particolarmente mite.

domenica 19: ancora maltempo al nord con piogge e nevicate oltre i 1200m in media. Al centro-sud peggiora con rovesci e qualche temporale sparso, temperature in lieve o moderato calo al centro-sud dal pomeriggio.

lunedì 20: maltempo di nuovo in arrivo ed altre piogge un po' su tutto il Paese con limite della neve attorno ai 1000-1100m sulle Alpi, attorno ai 1200-1400m in Appennino. 

martedì 21: fenomeni in localizzazione al centro-sud con neve in Appennino oltre i 1200m, nuvoloso con solo piogge residue al nord, in ulteriore miglioramento.

mercoledì 22: ancora piogge al centro-sud in localizzazione al sud, migliora al nord e schiarisce anche al centro nel corso della giornata. 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum