Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Una fredda corrente nord-occidentale ci colpirà per giorni

L'alta pressione è ormai stabilmente protesa verso nord. Anche la pressione settimana sul suo bordo orientale continuerà pertanto a scendere aria fredda direttamente dalle latitudini polari.

La sfera di cristallo - 12 Settembre 2001, ore 11.23

Ormai il filo conduttore di questo mese di settembre appare senza ombra di dubbio la posizione assolutamente anomala dell'anticiclone delle Azzorre che seguita a spingere un potente promontorio in direzione dell'Islanda e delle latitudini artiche. Quasi a smentire una delle regole della meteorologia che non assegna una lunga durata ad una siffatta configurazione, l'alta pressione resterà lì inchiodata almeno per altri 5 giorni. Solo nella seconda metà della prossima settimana è previsto un leggero abbassamento della cresta d'onda e un cedimento strutturale (perdonatemi l'espressione nel contesto odierno), su tutta la Francia. In un simile contesto l'aria fredda è costretta a scendere repentinamente sul suo bordo orientale, alimentando una depressione ballerina che si colloca alternativamente tra Danimarca, Mar Baltico o Polonia. In che cosa si tradurrà tutto questo per noi? La risposta è secca: correnti da nord-ovest con fronti freddi che valicheranno la catena alpina in rapida siccessione. L'ostacolo delle Alpi li deformerà parzialmente, generando la classica corrente favonica su Piemonte e Lombardia. I nuclei perturbati riprenderanno comunque vigore a sud del Po, interessando con qualche rovescio o breve temporale le regioni centro-meridionali, senza dimenticare il coinvolgimento del nord-est con spruzzate di neve sulle Dolomiti, Alpi Carniche e Giulie già a partire dai 1600-1700 m. Ecco allora un breve quadro riassuntivo delle previsioni da domenica a venerdì 21. Prendetele con le "pinze": tutto può radicalmente mutare, senza preavviso... DOMENICA: nubi su Alpi, nord-est, Liguria ed Emilia-Romagna, addensamenti anche su alta Lombardia, per il resto leggero Foehn su Piemonte e milanese. Al centro-sud tempo discreto con residui rovesci sulla Puglia, la Basilicata e la Calabria. Fresco ovunque. LUNEDI: tempo instabile sul nord-est, Toscana ed Emilia-Roamgna con alcuni rovesci anche temporaleschi e neve intorno ai 1700-2000 m, bello sul nord-ovest per venti di caduta. Al sud poco nuvoloso ma con tendenza a peggioramento su Campania, Molise e nord Puglia. Sempre fresco. MARTEDI: temporaneo miglioramento. MERCOLEDI: nuovo impulso freddo, stessa traettoria con regioni di nord-ovest saltate ma neve sulle Alpi orientali sui 1600 m, rovesci anche temporaleschi con occasionali grandinate al centro, parzialmente nuvoloso al sud con possibili temporali sull'Apppennino. GIOVEDI: tregua per tutti ma ancora addensamenti su medio-Adriatico. Temperatura in leggero aumento. VENERDI: probabile cedimento dell'alta pressione con una saccatura a largo respiro sul nord Italia e conseguente maltempo. Libeccio altrove con nubi in aumento sulla Toscana e pallido sole altrove.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum