Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Un po' di freddo, poi molta variabilità e qualche pioggia, infine il maltempo

Questo è il quadro che ci attende nell'arco dei prossimi 7-10 giorni. Sbalzi termici e vento sono da mettere in conto durante questa delicata fase stagionale.

La sfera di cristallo - 29 Ottobre 2009, ore 15.09

Una massa d'aria fredda si è messa in moto dal Mare di Barents e, attraverso Finlandia e Russia, sta per raggiungere gran parte dell'est europeo. Nel corso di venerdì punterà anche sui Balcani. La nostra Penisola ne verrà marginalmente interessata, ma sperimenterà comunque una certa diminuzione delle temperatura, oltre a qualche episodio di instabilità lungo il versante adriatico. Subito dopo, grazie alla spinta di un redivivo vortice polare, irromperanno nell'area mediterranea le correnti perturbate atlantiche. Un primo fronte transiterà lunedì sull'Italia, favorendo qualche pioggia sparsa, in seguito la corrente a getto accelererà in modo quasi eccessivo. Ne scaturirà una fase accompagnata da tese correnti occidentali, molto vento, molta variabilità, ma pochi fenomeni significativi. Da giovedì è prevista una graduale frenata nel dinamismo polare (indice AO in calo) e di conseguenza anche la corrente a getto presenterà maggiori sinuosità, leggasi ondulazioni. In questo contesto sarà più probabile il deciso affondo di una saccatura nell'area mediterranea. Presto per dire se cadrà proprio sulla nostra testa o su quella dei francesi, ma la convergenza dei modelli verso un peggioramento più marcato, dovuto alla classica ciclogenesi mediterranea nel lungo termine dà qualche garanzia in tal senso. (65%) Tutto comunque dipenderà dall'entità della "frenata" prevista intorno a giovedì 5. Qualora non si trattasse di nulla di significativo non è nemmeno escluso un rialzo del flusso perturbato atlantico verso il settore più settentrionale del Continente e il riposizionamento dell'anticiclone delle Azzorre in sede mediterranea, con tanti saluti al dinamismo della circolazione. Si tratta però di una probabilità più remota (35%). Intanto prepariamoci ad indossare un abbigliamento più consono alla stagione. SINTESI PREVISIONALE sino a GIOVEDI 5 NOVEMBRE 2009: venerdì 30 ottobre: afflusso graduale di correnti più fredde da est, nubi in aumento su Valpadana e Prealpi, ma tempo secco, con corrente orientale anche tesa in serata. Nubi in aumento anche su tutte le regioni adriatiche, dalla Romagna alla Puglia, nubi sparse anche su Calabria, Basilicata, nord ed est Sicilia, Sardegna, per il resto tempo buono ma con rinforzo del vento da ENE. sabato 31 ottobre: nuvolaglia su nord-ovest, Emilia, Prealpi, in attenuazione e passaggio a tempo abbastanza soleggiato. Irregolarmente nuvoloso su medio Adriatico e meridione con qualche sporadica precipitazione, nevosa in Appennino oltre i 1300m. Tempo buono su Toscana, Umbria, Lazio, Sardegna occidentale e Sicilia sud-occidentale, parzialmente nuvoloso su Sicilia orientale e settentrionale. Venti moderati da ENE, temperature in moderato calo in Adriatico e al sud, più lieve altrove. domenica 1 novembre: addensamenti su Molise, Puglia, Basilicata, est Sicilia, in attenuazione, altrove bel tempo ma mattinata freddina. Con il passare delle ore nubi basse in aumento su Liguria, velature su tutto il nord-ovest, dove in serata si avrà un ulteriore peggioramento, associato a deboli precipitazioni, nevose oltre i 1300m sui relativi settori alpini. lunedì 2 novembre: passaggio del fronte su gran parte del Paese con cieli nuvolosi e piogge sparse, specie sui versanti tirrenici e sul Triveneto, fenomeni in attenuazione sin dal primo mattino al nord-ovest. Sulle Alpi centro-orientali un po' di neve possibile oltre i 1500m, così come in Appennino. Temperature massime in lieve calo. martedì 3 novembre, mercoledì 4 novembre: comincerà la fase di grande variabilità con correnti tese da ovest, nubi alternate a schiarite e qualche pioggia sparsa di breve durata, specie lungo i versanti tirrenici. Temperature complessivamente miti in pianura. giovedì 5 novembre: ancora variabilità ma con tendenza a peggioramento più consistente verso sera a partire da Sardegna e Tirreno centrale, in possibile estensione a tutto il Paese entro venerdì a tutto il centro-sud ed entro sabato 7 anche al settentrione. Più freddo, segnatamente al nord e sull'alto Tirreno. Calo del limite delle nevicate sin verso i 900m sulle Alpi e 1200m su nord Appennino. (da verificare)

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 18.56: A14 Ramo Casalecchio

coda incidente

Code causa ripristino incidente nel tratto compreso tra Bologna Casalecchio (Km. 0,8) e Allacciamen..…

h 18.54: A13 Bologna-Padova

rallentamento

Veicoli lenti nel tratto compreso tra Monselice (Km. 88,6) e Terme Euganee (Km. 95) in direzione..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum