Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Tra una giornata di sole ed una di pioggia prove tecniche di primavera

L'esordio di marzo presenterà sul nostro Paese diverse situazioni atmosferiche. Mentre le regioni settentrionali, soprattutto i primissimi giorni del mese assisteranno a qualche giornata soleggiata e relativamente più tiepida, il mezzogiorno italiano vivrà ancora una situazione instabile. Con l'arrivo di martedì 5 marzo potrebbe tornare la pioggia anche al nord.

La sfera di cristallo - 28 Febbraio 2013, ore 15.30

Ormai attenuati gli effetti dell'ondata di aria fredda che per diversi giorni ha tenuto sotto scacco l'intera Europa, il tempo atmosferico sullo stivale si adagia temporaneamente su standard più tranquilli. Un modesto aumento della pressione e del geopotenziale guadagna terreno partendo dall'Europa occidentale sin verso il settentrione italiano e la mitteleurope.

Volgendo lo sguardo più a sud, sul basso Mediterraneo e l'Italia meridionale, la residua circolazione ciclonica "figlia" della ormai passata fase fredda europea e mediterranea, porterà con sè un ultimo passaggio piovoso concentrato nelle giornate di domani, venerdì primo marzo e sabato due.

Qualche giornata soleggiata sarà da mettere in preventivo soprattutto sulle regioni settentrionali mentre all'estremo sud e sulla Sardegna proprio a partire da domani, il transito di un corpo nuvoloso dispenserà ancora qualche precipitazione.

Senza dubbio la novità più importante della prima decade di marzo sarà la graduale tendenza ad un abbattimento del geopotenziale sull'Europa occidentale. La mancanza di una figura di alta pressione in grado di imporsi sul Mediterraneo, porterà ben presto alla strutturazione di un vistoso letto di correnti sud-occidentali che dalla prossima settimana investiranno il nostro Paese.

In questo contesto sarà da attendersi un relativo miglioramento del tempo sulle regioni meridionali mentre al centro ed al nord torneranno nubi e precipitazioni in un contesto termico piuttosto mite. L'aria atlantica trascinerà sino al nord Italia l'isoterma +5 a 850hpa relegando la caduta della neve solo ad alta quota lungo i settori alpini, dove gli accumuli potrebbero risultare importanti.

Al centro ed al sud gli effetti della circolazione sud-occidentale saranno ancora più evidenti. L'arrivo dell'isoterma +10 a 850hpa "bacerà" regioni come Sardegna, Sicilia e Puglia, portandovi delle temperature molto miti.

L'arrivo della seconda decade del mese potrebbe infine proporre il ritorno prepotente sull'Italia di un'irruzione d'aria fredda tardiva con effetti ancora tutti da valutare.

Seguite gli aggiornamenti.

Tendenza previsionale da venerdì primo marzo a giovedì 7 marzo:

Venerdì primo marzo: depressione sul Mediterraneo centro-occidentale trascina un corpo nuvoloso sulle regioni meridionali italiane. In giornata netto aumento della nuvolosità a partire dalla Sardegna con precipitazioni dalla serata. Aumento delle nubi anche sul resto del sud con tendenza a piogge nella tarda serata su Sicilia occidentale. In giornata modesto aumento delle nubi anche su Lazio, Toscana e Liguria, senza precipitazioni. Venti tesi di Tramontana sul mar Ligure, Scirocco sul medio e basso Tirreno, sul Canale di Sicilia e Canale di Sardegna. Temperature stazionarie.

Sabato 2: la depressione compie ulteriori passi verso est portando alcune precipitazioni su Sicilia, Calabria, Puglia e bassa Campania. Altrove il tempo risulterà generalmente secco, con addensamenti più consistenti solo sulle regioni centrali. Giornata soleggiata al settentrione. Venti tesi di Scirocco sul mar Jonio, Tramontana su medio e alto Tirreno, mar Ligure compreso. Temperature stazionarie.

Domenica 3 - lunedì 4: campo di pressione livellata sopraggiunge sul Mediterraneo portando tempo buono su quasi tutto lo stivale. Ultime nubi domenica mattina sull'estremo sud, con rapida attenuazione in giornata. Tempo buono al centro ed al nord. Temperature in leggero aumento nei valori massimi un pò su tutte le regioni ma più avvertito al centro ed al sud. Venti deboli variabili con ultimi rinforzi da nord domenica mattina sullo Jonio.

Martedì 5: una depressione prende il sopravvento sull'Europa occidentale con perno sulla penisola Iberica. Aumento della nuvolosità soprattutto sui versanti tirrenici del centro e del nord. Tendenza a precipitazioni dalla seconda parte della giornata ad iniziare da Piemonte, Liguria e Toscana. Venti in rinforzo da Scirocco lungo tutte le regioni tirreniche eccetto il mar Ligure dove soffierà la Tramontana. Temperature stazionarie al suolo, in aumento alle quote superiori.

Mercoledì 6: sistema frontale transita sulla nostra penisola portando precipitazioni sparse al nord e lungo le regioni tirreniche sino alla Campania. Sul nord lo Scirocco sovrascorrerà al di sopra di uno strato d'aria relativamente più freddo che potrà favorire la caduta di neve localmente sino a 500-700 metri nel Piemonte, altrove la quota neve sarà sui 1600-1800 metri. Venti moderati di Scirocco con temperature stazionarie al nord ed al centro, in lieve aumento al mezzogiorno. 

Giovedì 7: la depressione sull'Europa occidentale tende ad approfondirsi. Sull'Italia si intensifica il richiamo di venti umidi e miti di estrazione basso mediterranea. In seno al flusso sud-occidentale a media quota si muoveranno verso il nostro Paese degli altri corpi nuvolosi. Precipitazioni sempre presenti al nord e lungo tutte le regioni tirreniche dove l'atmosfera sarà umida ed uggiosa. (previsione da confermare)


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum