Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

TORNA LA NEVE a bassa quota a metà mese?

E' questa l'ipotesi formulata oggi dalla Sfera di Cristallo.

La sfera di cristallo - 6 Marzo 2003, ore 16.47

Prendete una valle stretta, molto stretta, quale potrebbe essere ad esempio la Val d'Ega, in Alto Adige, particolarmente temuta dagli amici di Bolzano. Avvicinategli due catene di montagne imponenti, quali ad esempio potrebbero essere il Gruppo del Sella e il Rosengarten (o Catinaccio). Prendete poi una massa d'aria molto fredda e costringetela a percorrere quella valle. Ponete infine virtualmente l'Italia in fondo alla Val d'Ega e il gioco è fatto! Il risultato della vostra ricostruzione sarà facilmente intuibile perchè siamo ormai in primavera, i moti convettivi sono agevolati e i rovesci di neve possono facilmente spingersi sino a bassa quota anche se la temperatura dell'aria è di alcuni gradi sopra lo zero. Perchè tutto questo paragone? Perchè sembra che esattamente tra una settimana l'Italia possa veramente trovarsi in una situazione del genere con due grosse figure anticicloniche in azione ai suoi fianchi che le faranno la corte senza riuscire a possederla e proteggerla e nel mezzo due depressioni: una che si posizionerà sul centro-sud tra sabato 15 e domenica 16 e farà arretrare bruscamente la primavera, ed un'altra, pronta ad intervenire dal nord Europa che ha quasi dell'incredibile. Una autentico freezer con le seguenti caratteristiche: elevata vorticità, rapidità, e temperature alla quota di 1500 m comprese tra -7 e -9°C, valori di tutto rispetto per il mese di marzo. Rispetto alle altre situazioni perturbate che abbiamo vissuto durante l'inverno, questa giocherà proprio sulla rapidità per sorprendere. Ricordiamoci che più una massa d'aria è veloce nel discendere dalle zone polari e raggiungere il Mediterraneo, maggiore sarà anche la sua capacità di mantenere le caratteristiche che aveva in origine. In altre parole questa valle stretta fungerà da "effetto Venturi" catapultandoci addosso un autentico vortice gelido in grado di portare precipitazioni nevose sino a quote collinari e forse anche più giù tra martedì 18 e mercoledì 19. Certo bisognerà fare i conti con l'arco alpino che potrà influenzarne la traiettoria ma soprattutto con il numero dei giorni che ci separano dall'evento, decisamente troppi, per dare eccessivo peso a tutto quanto vi abbiamo raccontato. Teniamone conto: non trasformiamo un'ipotesi della Sfera in una certezza assoluta, ma nemmeno scartiamola aprioristicamente. Un consiglio: tenete d'occhio l'anticiclone russo: l'inverno forse non vuole rassegnarsi...

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 03.47: A1 Roma-Napoli

incidente rallentamento

Traffico rallentato causa incidente nel tratto compreso tra Frosinone (Km. 623,8) e Ceprano (Km. 64..…

h 03.37: SS12 Dell'abetone E Del Brennero

frana

Strada chiusa al traffico causa misure di sicurezza nel tratto compreso tra Incrocio Cutigliano B...…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum