Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Tempo movimentato anche la prossima settimana

Tra saccature atlantiche e bizzarrie anticicloniche si allontana il "bello stabile"

La sfera di cristallo - 22 Maggio 2002, ore 16.41

Una depressione birichina, un'alta pressione che perde la testa e punta sulle Isole Britanniche, aria fredda dal Baltico. Logico che in un simile contesto potremmo aspettarci di tutto fuorchè un tempo tranquillo, estivo e soleggiato. Le turbolenze, dopo la fase temporalesca attesa per le prossime 48 ore, si ripresenteranno domenica a partire dal nord Italia con annuvolamenti frequenti dovuti all'instaurarsi di un cavo d'onda depressionario alla quota di circa 5500 m che tenderà a sospingere verso la regione alpina e, marginalmente, sul resto del nord aria umida, fresca ed instabile. La curvatura ciclonica delle correnti andrà esaltandosi lunedì, quando tutto il nord sarà sotto rovesci e temporali. I fenomeni tenderanno presto a coinvolgere anche le regioni centrali tirreniche, la Sardegna e la Campania. In questa fase risulterà protetto il medio-adriatico e il resto del meridione. Martedì 28 la situazione si sbloccherà con l'ingresso di correnti nord-occidentali, segnale di una rimonta anticiclonica temporanea tra la Francia e le Alpi occidentali che renderà però temporaneamente instabile il tempo sui versanti adriatici: Romagna, Marche, Abruzzo, Molise e Puglia saranno pertanto interesati da fenomeni d'instabilità pomeridiani, mentre il tempo guarirà al nord-ovest e sul versante tirrenico a partire dalla Sardegna. Non sono attese precipitazioni di rilievo su Sicilia e Calabria, dove si avranno solo condizioni di moderata variabilità. Incertezze invece per il Triveneto con il solito Friuli e l'alto Veneto terreno fertile per lo sviluppo di locali temporali pomeridiani. Tra mercoledì 29 e giovedì 30 si avrà una relativa fase di stabilità anche se non mancheranno isolati temporali sull'Appennino centrale e su parte di quello meridionale. Venerdì 31 ecco rafforzarsi una zona anticiclonica sul Mediterraneo occidentale e saldarsi con una "cugina" sulle Isole Britanniche: l'Italia rimarrebbe così esposta a venti freschi settentrionali che determinerebbero una moderata instabilità sull'Adriatico e al sud per gran parte del primo fine settimana di giugno. La sfera però non vuole o non sa svelarci di più...

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum