Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Si prospetta una PERICOLOSA sciroccata sull'Italia nel fine settimana

L'abbondanza delle precipitazioni previste al nord-est e il limite delle nevicate decisamente troppo alto potrebbero fondere parte del manto nevoso che confluirebbe a valle gonfiando repentinamente e pericolosamente i corsi d'acqua. Si spera ancora in termiche più favorevoli ma la situazione NON ci piace.

La sfera di cristallo - 26 Marzo 2009, ore 14.49

E' vero: aspettavamo le piogge primaverili. Solo che, come spesso accade, non bastava una perturbazione atlantica, ci voleva l'affondo depressionario sul Golfo di Genova con un sostenuto richiamo di venti di Scirocco per complicare le cose. Su un manto nevoso ancora molto abbondante sino alle quote medie l'arrivo di venti sciroccali tanto tiepidi unitamente alle intense precipitazioni previste preoccupa. Il limite delle nevicate si attesterà nelle zone più a sud delle Alpi orientali forse anche oltre i 1500-1800m stimate, mentre andrà un po' meglio sui settori alpini centro-occidentali e su quelli atesini con fiocchi in media oltre 1300-1500m. Si tratta comunque di una situazione delicata, ancora probabilmente soggetta a cambiamenti importanti sia peggiorativi, sia migliorativi. Certamente non siamo nemmeno contenti delle piogge sin oltre i 2400m che potrebbero verifiarsi lungo la dorsale appenninica perchè anche qui sussiste un certo rischio di piene di fiumi e torrenti, specie se soggetti a manovre idrauliche. Al sud inoltre da una situazione quasi invernale si passerà ad una parentesi "ultra" primaverile. Insomma era preferibile un passaggio stagionale più soft, non così brusco. Cosa provocherà tutto questo? 1 l'affondo molto netto di una saccatura in quota tra Francia e Spagna con annessa discesa di aria fredda 2 la risposta di correnti meridionali più ad est rispetto all'asse di saccatura, cioè sull'Italia e in particolare su centro-sud e nord-est 3 la presenza di un'alta pressione ad est del Continente a fare da blocco rispetto all'avanzata della saccatura 4 indice NAO in deciso calo a confermare che il rischio di un peggioramento in area mediterranea è assai concreto 5 al vertice inferiore della saccatura andrà isolandosi un minimo depressionario in quota (goccia fredda) che danzerà poi per alcuni giorni sull'Italia rinnovando condizioni di instabilità diffusa in un contesto però relativamente mite perchè ormai il grosso dell'aria fredda andrà assorbendosi su Francia e Spagna senza interessarci direttamente. Ma la situazione non potrebbe evolvere diversamente? Facciamo qualche ipotesi 1 la saccatura riesce ad avanzare un po' di più. Meno fenomeni ma anche meno richiamo sciroccale con limite delle nevicate più basso (situazione più idonea alla stagione). 2 la saccatura fatica ulteriormente a penetrare verso est, il richiamo sciroccale rimane di una certa intensità ma i fenomeni si concentrano tutti più ad ovest. In questo caso aumenterebbero i rischi per i settori alpini centro-occidentali. 3 l'alta pressione, come si ipotizzava fino a ieri, ridimensiona l'affondo della saccatura e tutto si risolve con precipitazioni moderate e passeggere. 4 tutto resta come ormai definito ma le termiche migliorano leggermente. Diciamo che ormai l'impianto è quello descritto sopra e gli aggiustamenti dovrebbero riguardare l'entità dei fenomeni e delle termiche (leggero complessivo ridimensionamento). Quindi l'ipotesi 4 è quella che completa un po' di più la nostra idea. Comunque sia apprestiamoci a vivere con apprensione questo fine settimana. SINTESI PREVISIONALE SINO A GIOVEDI 2 APRILE 2009: venerdì 27 marzo: nubi in aumento al nord con solo qualche occasionale precipitazione lungo i rilievi e sul levante ligure. Bello al centro-sud ma con nubi in aumento lungo le regioni tirreniche. Temperature miti ovunque. sabato 28 marzo 2009: peggiora su tutto il centro-nord con precipitazioni dapprima concentrati sulle Alpi, nevose oltre i 1500-1700m, (termiche peggiorate rispetto all'emissione dei bollettini di stamane), poi in arrivo su Sardegna, Toscana, Umbria, Lazio, pianure del nord, Liguria, e in serata anche su medio Adriatico e Campania. Sul resto del sud nubi in aumento ma sotto la spinta di tese correnti meridionali molto miti. Acqua alta a Venezia. Temperature in calo nei valori massimi al nord, in aumento altrove, sensibile al sud. domenica 29 marzo 2009: depressione sul Golfo ligure assai probabile con maltempo diffuso un po' su tutto il centro-nord, piogge anche battenti a ridosso dei rilievi del Triveneto, temporali sulle regioni centrali, piogge solo sparse e alternate a pause asciutte al meridione e sull'Emilia-Romagna. Ventoso ovunque per correnti meridionali ancora sostenute. Temperature in ulteriore aumento al centro-sud, stazionarie al nord. Limite delle nevicate sulle Alpi occidentali sui 1300m, su quelle centrali attorno ai 1400-1500m, su quelle orientali tra 1400 a 1800m. lunedì 30 marzo 2009: la goccia fredda si isola tra Alpi occidentali e Corsica dispensando una generale instabilità. Ovunque si avrà una nuvolosità irregolare, a tratti intensa con rischio di rovesci anche temporaleschi nelle ore pomeridiane, specie al centro-sud, schiarite più ampie solo sulle Alpi centro-occidentali. Temperature in lieve generale calo al centro-sud, in lieve aumento al nord. martedì 31 marzo e mercoledì 1 aprile: ancora generali condizioni di instabilità con i primi colpi di tuono stagionali nelle ore pomeridiane su tutte le zone interne e forse anche in Valpadana. Immuni solo le zone alpine, dove ci si limiterà a qualche rovescio isolato, nevoso in alta quota. Temperature miti. giovedì 2 aprile: la goccia fredda si sposterà verso sud interessando solo le isole maggiori e la Calabria con piogge sparse e rovesci temporaleschi, altrove un po' di variabilità ma senza fenomeni importanti e con prevalenza di sole. Temperature primaverili.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum