Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Si apre un periodo dinamico, freddo e potenzialmente anche nevoso

Una situazione molto interessante si verrà a creare sull'Italia e sull'Europa centrale nel corso dei prossimi giorni. Colpito soprattutto il centro-sud, ma anche il nord potrebbe non stare a guardare.

La sfera di cristallo - 27 Gennaio 2010, ore 15.44

Eccoci giunti al giro di boa, al bivio che consentirà all'Italia di uscire dalla terra di confine tra il clima mite dell'Europa occidentale e l'aria molto fredda presente più ad est. Vincerà il freddo! Non solo al nord, ma anche al centro-sud. Anzi, proprio le regioni meridionali e quelle del medio versante adriatico potrebbero risultare le più colpite da questa nuova situazione. Cosa accadrà in poche parole? Si è già parlato diffusamente dell'alta pressione delle Azzorre, che invece di distendersi sul Mediterraneo porterà i suoi massimi verso nord, fino a lambire l'Islanda. Si è anche parlato della depressione che sta interessando l'Italia in questi giorni. Questa, spostandosi verso sud est, fungerà da calamita, da polo attrattore per altri nuclei instabili e freddi in arrivo dall'Europa settentrionale. La suddetta aria fredda sfrutterà proprio la spalla orientale offerta dall'anticiclone delle Azzorre per riversarsi prima sull'Europa centrale e poi anche sull'Italia. Ovviamente l'Italia non è una tavola da biliardo. Madre natura ci ha dotato delle Alpi, che in questi casi possono essere un ostacolo quasi insormontabile per le correnti...ostacolo che in qualche modo andrà aggirato. Nel prossimo week-end l'aria fredda tenterà un primo aggiramento ad ovest, entrando almeno parzialmente dalla Valle del Rodano; un moderato peggioramento sarà quindi palese su gran parte della nostra Penisola. All'inizio della settimana prossima, invece, le suddette correnti fredde aggireranno le Alpi da est, proponendo tutta la loro irruenza sul versante adriatico ed al sud. In questo frangente le nevicate scenderanno a quote molto basse, se non in pianura, su Marche, Umbria orientale, Abruzzo, Molise e Puglia Garganica. Tutta l'Italia, comunque, verrà colpita da una discreta ondata di freddo accompagnata anche da venti forti. Andiamo però con ordine e vediamo la possibile linea di tendenza per i prossimi sette giorni in Italia. Giovedì 28 gennaio: nubi sparse su tutta l'Italia. Ampie schiarite sulle pianure del nord. Addensamenti più intensi al sud associati a qualche rovescio sulle zone estreme. Venti in attenuazione ovunque. Freddo al mattino al centro-nord. Venerdì 29 gennaio: nubi in aumento nel corso della giornata al nord. Neve sui settori alpini confinali e qualche precipitazione (occasionalmente nevosa) in serata tra Liguria, basso Piemonte e bassa Lombardia (evoluzione ancora da confermare con certezza). Qualche rovescio sarà presente anche al sud, specie tra Campania e Calabria Tirrenica. Per il resto tempo asciutto. Sabato 30 gennaio: qualche nevicata tra basso Veneto ed Emilia Romagna, in attenuazione. Fiocchi di neve sui settori alpini confinali, sul resto del nord schiarite e tempo asciutto. Tempo instabile al centro e al sud, più asciutto su est Sardegna, Adriatico e Puglia. Rovesci possibili sul Tirreno e neve in Appennino. Ventoso ovunque. Domenica 31 gennaio: ancora instabile soprattutto al centro e al nord con possibili nevicate anche in pianura tra Liguria, basso Piemonte, bassa Lombardia, Emilia Romagna, in trasferimento verso l'alta Toscana, l'Umbria e le Marche. Instabile anche al sud con piogge e neve sopra i 600-700 metri. Ventoso ovunque. Lunedì 1 e martedì 2 febbraio: molto instabile sul medio Adriatico ed al sud con neve a quote progressivamente più basse, fin quasi sul litorale tra Marche, Abruzzo e Molise. Bel tempo, ma freddo, altrove. Tramontana sostenuta ovunque. Mercoledì 3 febbraio: neve su Marche, Abruzzo, Molise e Puglia Garganica fin sui litorali. Instabile al sud con rovesci e neve sui 500 metri. Soleggiato al nord e sul Tirreno. Venti forti e clima rigido ovunque.

Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum