Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Si apre il sipario sulla nuova ondata di FREDDO e NEVE

Si andrà avanti sino a domenica, poi correnti da nord-ovest sull'Italia e tempo variabile, ancora piuttosto freddo con precipitazioni soprattutto su crinali alpini di confine, nord-est, medio Adriatico e regioni meridionali. Si torna insomma indietro alla prima fase dell'inverno ma con maggiore penetrazione delle correnti perturbate. Probabilmente ancora all'asciutto il nord-ovest.

La sfera di cristallo - 9 Febbraio 2012, ore 14.25

Il vortice freddo responsabile dell'appendice gelida e nevosa attesa tra venerdì e sabato sull'Italia sta per arrivare. Si farà strada nella notte sul Triveneto e poi a ritroso sino al nord-ovest e sul Tirreno, portandosi dietro qualche rovescio di neve e tanto freddo. Ne scaturirà la formazione di una depressione al suolo in movimento dal mar ligure verso l'Italia centrale. Sarà proprio il centro Italia a subire le nevicate più estese, insieme all'Emilia-Romagna, al Pesarese e all'Urbinate dove si raggiungeranno ancora una volta accumuli preoccupanti. La neve cadrà comunque generosa anche sui rilievi campani, molisani, lucani e calabresi a quote basse.

Sabato la ritornante occlusa del denso corpo nuvoloso presente al centro tenderà a risalire l'Adriatico da sud-est proponendosi, oltre che sull'Emilia-Romagna, anche tra bassa Lombardia e Triveneto, ma qui con effetti modesti. Continueranno invece a verificarsi rovesci di neve sul resto del centro, in seguito al passaggio di nuovi impulsi.

Domenica tutta la struttura depressionaria tenderà ad indebolirsi e il tempo di conseguenza migliorerà gradualmente, ma resterà decisamente freddo sino a lunedì, segnatamente al nord e nelle zone interne del centro.

La prossima settimana vedrà l'anticiclone delle Azzorre ergersi parzialmente verso nord, consentendo l'affondo di aria fredda di origine artica marittima. Tutta la circolazione depressionaria sembrerebbe ancora una volta destinata a seguire strade  già note e cioè a visitare soprattutto il versante adriatico del Paese e il meridione, lasciando a secco ( e ancora in balia della siccità) gran parte del sud delle Alpi.

Del resto le anomalie termiche suggeriscono proprio questo tipo di evoluzione, anche se qualche ulteriore sterzata ad ovest delle correnti non è ancora esclusa. In questo caso ne deriverebbe un affondo dalla valle del Rodano con importante ciclogenesi sull'alto Tirreno. Questa eventualità è però al momento scarsamente considerata dai modelli che danno più credito all'affondo nord-occidentale.

Preferiamo però rimandare questi discorsi dopo la sfuriata fredda che si profila ormai alle porte. Nella fattispecie abbiamo preparato qualche cartna per evidenziare sia il cammino del vortice freddo che le termiche previste. Spiccano i valori gelidi sulla Valpadana, specie laddove insisterà con particolare veemenza la bora. Da notare ancora una volta la possibilità di rinvio per un incontro di calcio giocato dalla Juventus. Stavolta Bologna-Juventus allo stadio di Bologna potrebbe saltare per troppa neve.

SINTESI PREVISIONALE sino a GIOVEDI 16 febbraio:
venerdì 10 febbraio: al mattino presto ultimi rovesci di neve tra Lombardia occidentale, basso Piemonte ed Emilia-Romagna, seguiti da un'attenuazione dei fenomeni, schiarite sul nord-est ma con bora furiosa sull'alto Adriatico, peggiora su tutte le regioni centrali con neve sino in pianura, mista a pioggia solo lungo i litorali del Lazio, dell'Abruzzo e della Sardegna, fiocchi di neve possibili anche all'Elba. Neve a Roma, sempre più asciutta, con accumuli entro notte di 6-8cm. Maltempo anche al sud con rovesci e neve sino a 200m su Campania e Molise, oltre i 300-400m altrove, quota neve più alta sulle regioni estreme. Temperature in sensibile calo al nord e al centro.

sabato 11 febbraio: condizioni di moderato maltempo al centro-sud con rovesci di neve ancora sino in pianura al centro, solo oltre i 200-400m al sud, a tratti schiarite e tendenza comunque ad attenuazione dei fenomeni su Sardegna e Toscana. Neve forte sulle Marche, specie nell'Urbinate con autentiche bufere in quota.
Al nord nuvolosità irregolare ma tempo secco su Piemonte, Valle d'Aosta, nord Lombardia, Trentino Alto Adige, Cadore, alto Friuli, sporadiche nevicate su centro-est e sud Lombardia, medio e basso Veneto, basso Friuli. Nevicate deboli o moderate sull'Emilia, forti o molto forti sulla Romagna. Ancora molto freddo al nord e al centro.

domenica 12 febbraio: al mattino ancora qualche residua nevicata tra Emilia-Romagna e Marche, al nord-ovest ampie schiarite, altrove tempo incerto ma solo rovesci isolati, nevosi sino a quote molto basse al centro, oltre i 500m al sud. Temperature ancora molto basse al nord, in lieve aumento altrove.

lunedì 13 febbraio: parentesi di tempo discreto ma con nuvolaglia residua. Temperature massime in aumento, specie al centro-sud. Nottetempo ancora molto freddo al nord e nelle valli del centro.

Da martedì 14 affondo di una saccatura dal nord Europa con esito incerto. Seguite gli aggiornamenti.


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 20.56: A4 Milano-Brescia

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Svincolo Di Cormano (Km. 131,9)..…

h 20.55: SS28 Del Colle Di Nava

incidente rallentamento

Traffico rallentato, incidente a 1,597 km prima di Incrocio Pontedassio (Km. 133,4) in entrambe l..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum