Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Prima decade di gennaio con pochi scossoni

L'alta pressione riuscirà in qualche modo ad opporsi al franco ingresso delle saccature sul Mediterraneo centrale, non si tratterà però di un dominio assoluto. In seguito la situazione potrebbe sbloccarsi.

La sfera di cristallo - 31 Dicembre 2004, ore 15.30

Il 2004 chiude i battenti con tempo in miglioramento e con lo spettro di un nostro vecchio conoscente, quello che contribuisce ad ammorbare l'aria delle nostre città: avete capito bene, si tratta di un vecchio amico del Mediterraneo, l'anticiclone subtropicale. Come abbiamo già ribadito in precedenti interventi, non si tratterà però di un vero e proprio dominio. I grandi sistemi perturbati atlantici, pur scorrendo in gran parte alle latitudini superiori europee, riusciranno a tratti a determinare sull'Italia condizioni di variabilità e, specie lunedì 3 gennaio, situazioni ventose. Questa disposizione barica, apparentemente di NAO positiva, cioè con le alte pressioni alle nostre latitudini e i centri depressionari sul nord Europa, non sembra però destinata a durare a lungo. La corrente a getto rallenterà rendendo possibile la formazione di saccature che interverranno con tutta probabilità a modificare il tempo del nostro Paese dopo la prima decade del mese. Ancora nessuna notizia importante invece, ma non è una novità, arriva dall'anticiclone russo-siberiano. Che l'inverno ormai viva di episodi è risaputo, dunque è bene accontentarsi di ciò che passa il Convento. Prima di passare alla consueta analisi previsionale, ci è gradito porgere a tutti i nostri lettori i più cari auguri di buon 2005. SINTESI PREVISIONALE sino a venerdì 7 gennaio: sabato 1° gennaio: residui annuvolamenti al sud con isolati rovesci su Calabria, Sicilia e Puglia accompagnati anche da vento sostenuto da nord-est. Sul resto del Paese il tempo risulterà generalmente buono con un po' di velature e si vivrà un Capodanno tranquillo, le temperature risulteranno stazionarie. domenica 2 gennaio: giornata discreta su tutto il Paese; si assisterà però al passaggio di banchi nuvolosi sparsi, prevalentemente concentrati sulle Alpi e lungo il versante adriatico ma non si verificheranno precipitazioni. Le temperature subiranno un lieve aumento. lunedì 3 gennaio: sui crinali alpini di confine e sull'alto Adige nuvoloso con qualche nevicata oltre gli 800m, sul resto del nord soleggiato ma ventoso, al centro-sud nuvolosità irregolare con possibili rovesci, specie su Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e nord Sicilia, anche qui avremo vento forte da nord, che risulterà violento in Sardegna, temperature in diminuzione, salvo in Valpadana. martedì 4 gennaio, mercoledì 5, giovedì 6: tempo in miglioramento ovunque con graduale attenuazione del vento, a tratti qualche addensamento tra Alpi, Liguria, Toscana e Valpadana ma senza precipitazioni, temperature in aumento, specie in quota e lungo le coste. venerdì 7 gennaio: ancora qualche annuvolamento modesto tra Alpi e Liguria, altrove bel tempo, non farà freddo, locali nebbie in Valpadana.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum